Censis: è boom per le energie rinnovabili in Italia

L’Italia è apatica, cinica e passiva. L’unica nota positiva? Il boom delle energie rinnovabili.

Questa la sintesi dell’ultimo rapporto Censis che fotografa lo stato dell’arte nell’Italia del 2010. Il rapporto parla di “torsione verde” in riferimento al mercato delle energie rinnovabili, l’unico che sembra dare segnali di vitalità.

Il segmento dell’energia rinnovabile, oltre a simboleggiare la natura intrinseca della green economy, ne rappresenta la componente industriale più dimensionata e più promettente in termini di sviluppo potenziale. L’energia prodotta in Italia da fonti rinnovabili si approssima al 20% del totale. La crescita del comparto, alimentata dalle politiche europee e nazionali, è stata decisamente rapida. In soli quattro anni è aumentata del 39%. Quanto alla distribuzione sul territorio, la produzione, come anche la potenza degli impianti, si concentra nelle regioni settentrionali, dove è determinante il contributo della fonte idroelettrica.

“La valenza sociale di un settore fondamentale della nostra economia produttiva come quello energetico è spesso poco considerata – si legge sempre nella nota relativa al capitolo d’analisi su “Territorio e Reti” del Centro Studi Investimenti Sociali – Ma i benefici che si originano all’interno della filiera della produzione energetica per il sistema-Paese, per le imprese e per i cittadini sono notevoli. Assorbe un’occupazione diretta consistente (circa 118.000 addetti), e produce un fatturato annuo rilevante, che supera i 230 miliardi di euro”.

Una filiera che determina importanti investimenti sul territorio (dell’ordine di alcuni miliardi di euro l’anno), in parte legati all’esigenza di aderire a una normativa tecnica, ambientale e relativa ai temi della sicurezza in continua evoluzione

Secondo i dati raccolti da Terna e dal Gestore servizi elettrici, nel 2008 l’energia prodotta da fonti rinnovabili ha coperto il 16,5% del consumo nazionale, e la produzione è aumentata del 24,5% in soli cinque anni.

Altrettanto positivo il quadro delineato da Nomisma Energia:

“Il fatturato dei principali comparti delle nuove rinnovabili è aumentato in cinque anni del 191% e nel 2008 supera i 5 miliardi di euro, mentre l’occupazione diretta e dell’indotto è cresciuta del 220% e sono più di 20.000 i posti di lavoro creati dallo sviluppo delle energie verdi”. ( Fonte: http://smartercity.liquida.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog