Bongiorno: «Accordo Fli-Pd? Destra e sinistra sono categorie superate»

http://www.ilfuturista.it/images/resized/images/stories/politica/giulia_bongiorno_fli_200_200.jpgApre al cambiamento e al rinnovamento, anche grazie a un ruolo più attivo delle donne. Si dice per nulla preoccupata di nuove alleanze per superare vecchie gabbie ideologiche. Considera Far West la politica sulla giustizia di Silvio Berlusconi. Giulia Bongiorno, presidente della commissione Giustizia della Camera, affronta in un'intervista pubblicata sul Corriere della Sera di oggi i due temi all’ordine del giorno, le polemiche sul processo breve e la contingenza delle elezioni amministrative ormai alle porte.

 

Ci sono stati momenti difficili in Fli, ammette, ma l’unico strumento per guardare al futuro è “il cambiamento. So che l’ipotesi di accordo con Pd getta nel panico in molti, ma personalmente - rileva - reputo superate le categorie destra e sinistra e i no pregiudiziali sono incomprensibili”. Sulla giustizia poi ricorda che oggi si parla di processo breve, ma sino a ieri vi sono stati altri provvedimenti analoghi in commissione Giustizia. E il rischio che si corre è quello di praterie dell’illegalità, dove anche i cittadini intendano emulare il premier che, da imputato, va in giro fuori dal tribunale improvvisando comizi e sit in. “C’è il rischio di una degenerazione etico-sociale”. Anche in considerazione del fatto che, secondo l’esponente finiana, la riforma epocale della giustizia alla fine non si farà, perché Berlusconi “non ha cuore il buon funzionamento della giustizia, e si continuerà a produrre leggine da Far West”. ( Fonte: www.ilfuturista.it)

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog