Batterio B

http://farm3.static.flickr.com/2441/3570200284_256e719a22_m.jpgCi risiamo. Dopo la cetriolo-fobia e il successivo scagionamento del fallico ortaggio, l’altro ieri i primi test di laboratorio in Germania hanno assolto anche i germogli di soia dall'accusa di essere responsabili del batterio killer che ha portato alla grave epidemia di e.coli. Nell'attesa di conoscere quale sia il prossimo ortaggio o simile ad entrare nel novero degli aspiranti portatori di batterio omicida, ci si chiede da più parti, a proposito di batteri tossici (e col dovuto rispetto per le vittime), quale microrganismo sia, invece, la causa dell'inquinamento e del deterioramento del corso politico italiano. Inutile dire che, nella lussureggiante e pullulante flora parlamentar-batterica italica, a destare i sospetti maggiori sia l'omino di Arcore, il portatore sano di Bunga Bunga. In proposito è stata istituita una commissione parlamentare d'inchiesta che all'indomani della votazione referendaria dovrà pronunciarsi sulla nocività del soggetto in questione, per poi eventualmente vietarne la sovraesposizione televisiva, a salvaguardia degli spettatori. Fioccano già le dichiarazioni di sedicenti esperti volte a discolpare il nano-microrganismo, come quella di mavalà Ghedini, il quale si dice, come d’abitudine, esterrefatto ed invoca la consulenza dell'omeopata Scilipoti. Buon antibiotico a tutti. ( Fonte: www.ilfuturista.it)

Autore: Violetto Gorrasi

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog