Attacchi di panico: cosa nascondono?

http://l.yimg.com/jj/c66823df261ae147951568c7d2c9e89cLe crisi di panico sono assai diffuse. Tuttavia, esse nascondono spesso altre malattie che è indispensabile curare.

Cause psicologiche

 

"Di fronte a una crisi di panico, tre sono le cause psicologiche che è opportuno citare", sostiene il Dott. Jean-François Borel-Ferrenq, psichiatra. Da un lato, la crisi di panico può essere scatenata da un "processo nevrotico", ovvero dal conflitto che si origina dalla coesistenza di un desiderio e di un divieto per uno stesso oggetto. Dall'altro, può avere all'origine una fobia, che si riferisce a una malsana paura legata a un brutto ricordo. Infine, la crisi di angoscia è una delle manifestazioni che si riscontra più spesso nel processo depressivo. In questo caso, si verifica prevalentemente di mattina e deriva dalla sensazione di non essere all'altezza di svolgere le attività che si presentano nell'arco della giornata. Si tratta di un disturbo che ha a che fare con l'energia a disposizione. Si riscontrano anche episodi di crisi di angoscia nei cosiddetti processi di "usura psichica" (depressione da usura psichica o ansia generalizzata), ma in questi casi le crisi si verificano piuttosto a fine giornata.

Malattie all'origine dell'ansia…

 

Eppure, in presenza di una crisi di panico, è indispensabile escludere l'esistenza di una patologia organica attraverso un esame clinico e biologico completo. Infatti, alcune patologie possono essere associate o avere inizio da una crisi di panico. "La patologia coronarica e, in particolare, la crisi di angor, nota anche come angina pectoris, è il disturbo più frequente in queste malattie", assicura il Dott. Jean-François Borel-Ferrenq. L'angina pectoris scatena un dolore - tipico (in particolare un dolore toracico) o meno -, sempre accompagnato da una sensazione d'ansia molto intensa. D'altronde, i termini angoscia e angor non hanno forse la stessa radice? Angor si riferisce sia all'"angina (angere = stringere) pectoris" sia all'angoscia (angustia = risentimento).

Stanchezza e angoscia: altolà alla malattia

 

In generale, tutte le attività che comportano un dispendio di energia possono scatenare manifestazioni di angoscia, soprattutto al risveglio, con la sensazione di non riuscire a "guadagnarsi la giornata". Tra questi fenomeni, è possibile citare le epatiti, le disfunzioni tiroidee, il tetano e pressoché tutte le forme tumorali allo stadio iniziale. In ognuno di questi processi esiste una sensazione di stanchezza. Pertanto, le crisi di angoscia accompagnate da una manifestazione di stanchezza possono orientare verso una patologia organica.

Tra il corpo e la mente…

 

I fenomeni di angoscia associano avvenimenti fisici e psichici. Un esempio: "Ho avuto un malessere caratterizzato da disturbi fisici. Quando mi ritrovo a un certo punto in una situazione che mi sollecita la "memoria biologica", il ricordo del malessere o del dolore mi scatena una crisi di panico… È ciò che possiamo definire una fobia della ripetizione, la cui origine è organica.

 

Infine, possono causare crisi di panico tutti i fenomeni legati all'indebolimento delle funzioni superiori. È quel che accade nell'insorgere di uno stato di demenza, di fenomeni di confusione indotti da sostanze tossiche, e così via.In ogni caso, se le crisi di panico si ripetono, è assolutamente necessario consultare un medico, che sarà in grado di scoprire il disturbo associato a questa condizione di malessere e di aiutarvi a superarla per ritrovare la calma.( Fonte: Doctissimo.it)

Autore: France Garcia-Ficheux

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog