Al Consortile di Lodi ancora tutto tace

Tutta colpa di un caffè. Un incontro, qualche confidenza e una domanda a bruciapelo:” Se ti può essere d'aiuto posso pubblicare sul blog. Vediamo poi che succederà, qualcuno lo leggerà e chissà...”.

 

Al Consortile di Lodi però tutto tace. La nostra richiesta di chiarimenti ha lasciato, a quanto pare, indifferenti il Direttore, Franca Cigolini, e gli uomini delle Istituzioni.

 

Eppure di denaro pubblico si tratta e chiedere conto dell'operato di un super manager della Pubblica Amministrazione che annualmente si porta a casa uno stipendio di 50.000 euro netti ( 87.000 euro lordi- il dato lo si trova sul sito www. Cfpcons.lodi.it ), non è reato ma una richiesta che nasce da un' esigenza di chiarezza e trasparenza del cittadino nel confronti della Cosa Pubblica.

 

E allora piantiamola di volgere lo sguardo altrove e fingere che il problema non esista, coltivando la segreta speranza che “ questi rompi marroni” volgano altrove la loro attenzione.

 

Stiamo seguendo da oltre cinque mesi il caso “ Consorzio Scuole Lavoro” di Milano, abbiamo scritto di quanto stava accadendo ben prima dell'interessamento dei politici " costringendo" la Regione ad intervenire, ed oggi ci ascriviamo a pieno titolo il merito di un lieto fine che pare ormai prossimo.

 

Non si sta chiedendo la Luna... ma solo di affrontare la questione da noi posta:

 

“ A quando il pagamento delle spettanze dei docenti impiegati nei corsi della Regione Lombardia ?”

I corsi di cui si reclama il pagamento sono già stati saldati dall'Amministrazione regionale?”

 

Domandare è lecito, rispondere, per un Pubblico Amministratore, non è cortesia ma un dovere.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog