3 gennaio 1929, nasce Sergio Leone. Biografia di un Grande del cinema

http://biografieonline.it/img/bio/s/Sergio_Leone.jpgIl padre Vincenzo Leone, noto con lo pseudonimo di Roberto Roberti, era regista del cinema muto; la madre Edvige Valcarenghi, era attrice di vaglia in quel periodo (in italia nota come Bice Valerian). Sergio Leone nasce a Roma il 3 gennaio 1929 e inizia a lavorare nel magico mondo del cinema all'età di diciotto anni. Il suo primo impiego importante arriva nel 1948 con il film "Ladri di biciclette" di Vittorio De Sica: lavora come assistente volontario e ha modo di recitare nel film una piccola parte, come comparsa (è uno dei preti tedeschi sorpresi dalla pioggia).

In seguito e per un lungo periodo diviene aiuto regista di Mario Bonnard: capita nel 1959, essendo quest'ultimo malato, di doverlo sostituire sul set de "Gli ultimi giorni di Pompei" per completare le riprese.

E' aiuto regista anche al pluripremiato (11 Oscar) "Ben Hur" di William Wyler (1959); poi Leone dirige la seconda unità in "Sodoma e Gomorra" (1961) di Robert Aldrich. Il suo primo film arriva nel 1961 e si intitola "Il colosso di Rodi".

Tre anni più tardi, è il 1964, gira il film che lo imporrà all'attenzione generale: "Per un pugno di dollari", firmato con lo pseudonimo di Bob Robertson in omaggio al padre. Il film pare ricalcare la trama de "La sfida del Samurai" di Akira Kurosawa, film del 1961. Kurosawa accusa Leone di plagio, vincendo la causa e ottenendo come risarcimento i diritti esclusivi di distribuzione del film italiano in Giappone, Corea del Sud e Formosa, nonché il 15 % dello sfruttamento commerciale dello stesso, in tutto il resto del mondo.

Con questo primo successo il regista lancia Clint Eastwood, fino ad allora modesto attore tv con pochi ruoli all'attivo. "Per un pugno di dollari" presenta una violenta e moralmente complessa visione del Far West americano; se da un lato sembra rendere tributo ai classici western, dall'altro se ne distacca nei toni. Leone di fatto introduce grandi novità, che saranno capaci di influenzare i registi successivi per molti anni a venire. I personaggi di Leone presentano elementi di marcato realismo e verità, spesso hanno una barba incolta, appaiono sporchi e dalla scena è facile essere suggestionati sul possibile cattivo odore dei corpi. Al contrario, gli eroi - quanto i cattivi - dei western tradizionali tendevano ad essere sempre perfetti, belli e nobilmente presentabili.

Il crudo realismo di Leone resterà immortale nel genere western, suscitando forti influenze anche al di fuori del genere stesso.

A Leone si attribuisce inoltre il merito di aver colto - tra i primi - la forza del silenzio; molte sono le scene giocate su situazioni di attesa, che creano una palpabile suspense, anche mediante con l'utilizzo di primissimi piani e musiche incalzanti.

I successivi lavori "Per qualche dollaro in più" (1965) ed "Il buono, il brutto, il cattivo" (1966) completano quella che verrà poi chiamata la "Trilogia del dollaro": i film incassano cifre enormi, riproponendo sempre la stessa formula vincente. Tra gli ingredienti principali vi sono l'aggressiva ed incalzante colonna sonora di Ennio Morricone e le interpretazioni grintose di Clint Eastwood (da ricordare anche gli ottimi Gian Maria Volonté e Lee Van Cleef).

Considerato il livello di successo, nel 1967 Sergio Leone viene invitato negli USA per girare "C'era una volta il West", un progetto che il regista italiano coltivava da lungo tempo, e sempre rimandato per il necessario elevato budget; quello che Leone avrebbe voluto fosse il suo capolavoro viene quindi prodotto dalla Paramount. Girato negli splendidi scenari della Monument Valley, ma anche in Italia e in Spagna, il film risulterà come una lunga e violenta meditazione sulla mitologia del West. Al soggetto collaborano anche due altri grandi registi: Bernardo Bertolucci e Dario Argento (quest'ultimo allora ancora poco conosciuto).

Prima dell'uscita nelle sale, il film viene ritoccato e modificato dai responsabili dello studio, e forse per questo motivo inizialmente verrà considerato un semi-flop, con bassi incassi al botteghino. La pellicola verrà riscoperta e rivalutata solo diversi anni dopo.

"C'era una volta il West" mette in scena la fine del West e del mito della Frontiera: l'icona Henry Fonda assume i tratti d'un assassino feroce ed inesorabile, mentre il granitico profilo di Charles Bronson gli si contrapppone in una seriosa e cupa vicenda di vendetta e di morte.

Nel 1971 dirige "Giù la testa", un progetto messo in piedi in breve tempo, interpretato da James Coburn e Rod Steiger, ambientato nel Messico di Pancho Villa e Zapata. Questo altro capolavoro è la pellicola dove Leone manifesta forse maggiormente le sue riflessioni sul genere umano e la politica.

Dopo aver rifiutato un'offerta per dirigere "Il Padrino", arriva il frutto d'una gestazione lunga circa dieci anni: nel 1984 completa il film "C'era un volta in America" (con Robert De Niro e James Woods), da molti considerato il capolavoro assoluto di Sergio Leone. Il film si colloca negli anni ruggenti del proibizionismo: la trama narra storie di gangster e di amicizia e si dipana per quasi quattro ore tra pistole, sangue e struggenti sentimentalismi. La colonna sonora è ancora una volta quella di Ennio Morricone.

E' alla prese con il laborioso progetto di un film incentrato sull'assedio di Leningrado (episodio della Seconda guerra mondiale), quando un infarto lo stronca a Roma, il 30 aprile 1989.

Innumerevoli sono i fans e gli amanti del cinema di Leone, come gli omaggi alla sua memoria: ad esempio nel film "Gli spietati" (1992), Clint Eastwood, regista ed interprete, ha inserito nei titoli di coda la dedica "A Sergio". Stessa cosa ha fatto Quentin Tarantino nel 2003, nei titoli di "Kill Bill vol. 2".

Fonte: www.biografieonline.it

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog