Di chi è il Grande Reset? La lotta per il nostro futuro: Tecnocrazia contro Repubblica

  • Joaquin Flores

Le persone che vivono nel mondo occidentale sono nel mezzo della più grande lotta per il futuro delle forme di governo pluraliste e repubblicane dall’ascesa e dalla caduta del fascismo 75 anni fa. Come allora, la società doveva essere costruita a partire da una guerra. La guerra di oggi è stata una guerra economica degli oligarchi contro la repubblica, e sembra sempre più che la pandemia del coronavirus venga usata, sul piano politico, come un massiccio colpo di stato contro la società pluralista. Ci troviamo di fronte a questo “ Grande Reset”, alludendo alla costruzione del dopoguerra. Ma un’intera generazione ha ormai interamente vissuto sotto un regime di austerità, sempre maggiore. Un regime che può essere spiegato solo come una tossica combinazione delle inevitabilità sistemiche di una società basata sul consumo, sulla base dell’obsolescenza pianificata, e dell’incessante avidità e brama di potere che definisce interi settori di un’oligarchia sociopatica.

Recentemente abbiamo visto il premier britannico Boris Johnson stare di fronte a un cartello “ Build Back Better” ( “ Ricostruire Meglio”), che parlava della necessità di un “ Great Reset”, un “ Grande Riazzeramento”. Si dà il caso che “ Build Back Better” sia lo slogan della campagna di Joe Biden, che solleva molte altre domande per un’altra volta. Ma, in che misura i redattori che gestiscono ‘ Joe Biden’ e quelli che gestiscono ‘ Boris Johnson’ lavorano allo stesso copione?

La domanda più pertinente è quella di chiedersi: nell’interesse di chi si sta realizzando questo “ Grande Reset”? Certamente non può essere lasciato a chi ha costruito la propria carriera sulla teoria e la pratica dell’austerità. Certamente non può essere lasciato a chi ha costruito la propria carriera come burattini di un’oligarchia moralmente decadente.

Quello che Johnson chiama il “ Grande Reset”, Biden chiama il “ Piano Biden per una rivoluzione energetica pulita e giustizia ambientale”. Certamente la prossima economia non può essere lasciata a Boris Johnson o a Joe Biden.

Com’è possibile che ora Boris Johnson parli pubblicamente di un “ Grande Reset”, mentre solo mesi fa, quando coloro che erano al di fuori del paradigma mediatico dominante usavano questa frase, erano censurati dai media atlantisti aziendali come cospiratori? Questa è un’eccellente domanda posta da Neil Clark.

E così abbiamo ormai tutti letto numerosi articoli sulla stampa ufficiale che parlano di come la vita economica dopo il coronavirus non sarà più la stessa di prima. La stampa atlantista ha anche pubblicato numerosi articoli di opinione che parlano di come questo possa essere un duro colpo contro la globalizzazione – un argomento valido, e che molti pensatori sono in linea di massima d’accordo.

Eppure hanno messo da parte ogni discussione sostanziale su ciò che esisterà al posto della globalizzazione, e su come sarà l’economia in varie parti del mondo se non sarà globalizzata. Abbiamo sempre parlato di multipolarità, un termine che nei decenni passati è stato utilizzato frequentemente nei vettori occidentali, nell’ambito della geopolitica e delle relazioni internazionali. Ora c’è una strana proibizione di questo termine, e quindi siamo ormai privi di un linguaggio con cui discutere onestamente del paradigma post-globalizzazione.

Tecnocrazia o Pluralismo? Una lotta contro la Neolingua

Fino ad ora, ci è stata data solo una dieta costante di distanziamento, di disposizioni di blocco, di quarantena, di tracciamento, e ci siamo completamente dimenticati del fatto che tutto questo doveva essere solo un esercizio di due o tre settimane per appiattire la curva. E ora sta emergendo la verità che ciò che si sta pianificando è una nuova proposta mascherata da “ Grande Reset”.

Uno dei grandi problemi nel discutere il “ Grande Reset” è che intorno ad esso è sorta una falsa dicotomia. O si vuole che le cose siano come erano prima e senza modifiche allo status quo, oppure si promuove questo “ Grande Reset”. Sfortunatamente, Clark nel suo articolo di RT cade in questa falsa dicotomia, e forse solo per ragioni di convenienza nel discutere qualche altro punto, non mette in discussione i problemi inerenti a “ come erano le cose prima”. In verità, saremmo sorpresi se Clark non apprezzasse ciò che stiamo per proporre.

Ciò che proponiamo è che dobbiamo opporci al loro ‘ New Normal’ ‘ Grande Reset’, comprendendo anche i problemi intrinsechi di ciò che era stato normalizzato fino a prima del Covid.

Il mondo come era prima era già un problema tremendo, eppure ora sembra solo migliore rispetto alle disposizioni da stato di polizia che abbiamo incontrato nel corso della politicizzazione dello spettro di questa ‘ pandemia’.

Stranamente questa politicizzazione si basa sui casi positivi ( e non su ricoveri ospedalieri) apparentemente legati al nuovo coronavirus. Stranamente, ci viene detto di ‘ ascoltare la scienza del consenso’, anche se queste stesse istituzioni consistono in organismi nominati politicamente. Certamente la scienza non si basa sul consenso, ma su ipotesi complesse, sulla ripetibilità e su un vivace dibattito tra scienziati in disaccordo e con qualifiche relativamente uguali. Come spiega Kuhn ne La struttura delle rivoluzioni scientifiche, la scienza è sempre in evoluzione e, per definizione, può potenzialmente ribaltare i paradigmi del consenso. Questo è un dibattito che non abbiamo visto, e questo fatto di per sé rappresenta un cancro illiberale che cresce su una società pluralista già difettosa – ironia della sorte, tutto è avvenuto sotto la bandiera del liberalismo.

Le decisioni che una società decide di prendere dovrebbero essere guidate dalla ragione, dalla prudenza e dalla giustizia. Ciò che è o non è scientifico gioca un ruolo, ma non può essere il fattore decisivo. La scienza dice chiaramente che possiamo eliminare le lesioni da attraversamento pedonale vietando l’attraversamento delle strade o vietando la guida, ma ciò che i responsabili politici devono fare è rendere conto della necessità di avere sia le auto che l’attraversamento pedonale, e nel decidere come – se possibile – ridurre o eliminare tali lesioni. La scienza è solo una parte di questa equazione.

Ma non è anche l’economia una scienza? La sociologia non è una scienza? Che dire della psicologia e della psichiatria – come nei noti effetti dell’isolamento sociale e, per esempio, della prevenzione dei suicidi? E l’edilizia abitativa e l’urbanistica? Il grande sociologo Emile Durkheim spiega come queste siano scienze – adottano e applicano il metodo scientifico nel loro lavoro. Le università rilasciano dottorati in queste scienze da un secolo o più, queste opinioni di esperti non contano quando si gestisce una catastrofe pubblica?

È, ed è sempre stata, una posizione politica e politicizzata ascoltare alcuni scienziati, e non altri.

E allora, che ne è del nostro termine “ Reset”? In effetti, è di per sé fuorviante, e lo proporremmo intenzionalmente se comprendessimo la critica di Orwell all’uso del linguaggio – neolinguaggio – nelle oligarchie tecnocratiche.

Un “ Reset” testualmente si riferisce al ritorno a qualcosa una volta conosciuto, cancellando difetti o contraddizioni emerse lungo il percorso, che porta con sé il familiare, e qualcosa che prima tutti noi avevamo accettato. Un ‘ Reset’ per definizione significa tornare a come erano le cose prima – non solo recentemente, ma anche prima, a un certo punto, più indietro. La sua definizione è letteralmente contraria a quanto intendeva Boris Johnson nella sua sconvolgente dichiarazione pubblica di inizio ottobre.

Il termine “ Reset” è arrivato quindi con una pianificazione e una riflessione straordinarie, con l’intento di persuadere [ manipolare] il pubblico. Allo stesso tempo, esso mette a cavallo due concetti unici, e li riunisce in un unico termine in modo da ridurre le sfumature e la complessità e quindi anche il pensiero. Lo fa facendo appello alla nozione implicita del termine che si riferisce a un accordo di consenso passato.

Se inteso come ci viene detto di comprenderlo, dobbiamo avere due nozioni reciprocamente contraddittorie allo stesso tempo – ci viene detto incongruamente che questo ripristino deve effettivamente riportare la società a com’era prima, perché le cose non possono mai essere com’erano prima. Solo all’interno del paradigma di questo neolinguaggio feroce, il pubblico potrebbe mai pensare che una tale costruzione testuale abbia un minimo di senso.

Quali sono le nostre opzioni reali? Di chi è il Reset?

Coloro che comprendono che questo ‘ Reset’ non è un reset ma piuttosto una proposta del tutto nuova su tutta l’organizzazione della società, ma che viene fatto con metodi oligarchici e senza il tipo di mandato richiesto in una società governata dalle leggi e non dagli uomini, sono – come abbiamo detto – riluttanti ad ammettere che un grande cambiamento è davvero necessario.

Piuttosto, dobbiamo capire che i meccanismi economici catastrofici di fondo che stanno forzando questo grande cambiamento esistono indipendentemente dal coronavirus, ed esistono indipendentemente dai particolari cambiamenti che gli oligarchi che promuovono la loro versione di un “ Reset” ( leggi: nuove proposte) vorrebbero vedere.

Vedete, il popolo e gli oligarchi sono bloccati insieme in un unico sistema. A lungo termine, sembra che gli oligarchi siano alla ricerca di soluzioni per cambiare questo fatto, e trovare una soluzione finale che garantisca loro una civiltà del tutto indipendente. Ma in questo momento non è così. Eppure questo sistema non può andare avanti così com’è stato, e il Coronavirus presenta una ragione allo stesso tempo misteriosa nelle tempistiche che profonda nelle sue implicazioni, per spingere avanti una nuova proposta.

Crediamo che la tecnologia stia rapidamente arrivando a un punto in cui la stragrande maggioranza degli esseri umani sarà considerata ridondante. Se la tecnocrazia vuole creare una civiltà murata, e lasciare che il resto dell’umanità gestisca la propria vita lungo un qualche modo di produzione agraria e medievale, ci possono essere dei benefici per coloro che vivono secondo le logiche agrarie. Ma in base a ciò che sappiamo sulla psicopatia, e alla tendenza di quella tra coloro che governano, una tale soluzione amichevole non è probabilmente nelle carte.

Ecco perché le proteste anti-lockdown sono così importanti da sostenere. Proprio perché le misure di blocco sono utilizzate per vietare le manifestazioni pubbliche di massa, un elemento critico per spingere la politica pubblica nella direzione degli interessi del grande pubblico. Tutta una parte della sinistra è stata compromessa, e srotolata per combattere i fascisti immaginari, intendendo con ciò chiunque abbia una visione sociale convenzionale precedente al maggio del 1968. Mentre i plutocrati veri e propri scatenano un nuovo sistema di controllo oligarchico che, per la maggior parte, non è stato finora contemplato se non da scienziati politici, futuristi e autori di fantascienza relativamente oscuri.

Certamente il sistema economico consumistico ( talvolta chiamato “ capitalismo” dalla sinistra), che si basa su entrambe le catene di fornitura globalizzate ma anche sull’obsolescenza pianificata, non è più praticabile. In realtà, questo si basava su un terzo mondo come fonte sia di materie prime che di manodopera a basso costo. Il vantaggio è che questo “ mondo in via di sviluppo” si è in gran parte sviluppato. Ma questo significa che avranno bisogno delle loro materie prime, e le loro classi medie hanno aumentato il loro costo del lavoro. La globalizzazione si basava su qualche mondo prima dello sviluppo, dove la vera dinamica è meglio spiegata come imperialismo, e quindi ha senso che questo sistema sia una reliquia del passato, e in effetti dovrebbe esserlo.

Sembra sempre più evidente che la “ pandemia del Coronavirus” sia stata secondaria rispetto alla crisi economica che ci è stato detto l’abbia accompagnata. Sembra piuttosto che la prima sia nata per spiegare – via via la seconda.

Un altro mondo è possibile, ma è quello per cui i cittadini si battono. Negli Stati Uniti, in Inghilterra, in Scozia, in Irlanda e in Germania, ci sono già state manifestazioni antiblocco piuttosto grandi. Queste, come abbiamo spiegato, non sono solo contro l’isolamento, ma spingono positivamente ad affermare il diritto all’associazione pubblica e politica, al discorso pubblico e politico e alla riparazione delle ingiustizie. Questo è un diritto fondamentale per i cittadini di qualsiasi repubblica in cui vi sia una sorta di controllo dell’oligarchia.

Abbiamo scritto sul tipo di mondo che è possibile, nel nostro pezzo dell’aprile 2020 intitolato: “ Coronavirus Shutdown”: La fine della globalizzazione e l’obsolescenza pianificata – Entrare nella multipolarità”. In questo modo si espone ciò che è possibile, e quali sono stati i problemi del sistema pre-coronavirus, in termini economici più che politici. Qui si discutono i problemi della sicurezza della catena di fornitura basata sulla globalizzazione in un mondo multipolare, e il più grande problema dell’obsolescenza pianificata, soprattutto alla luce della stampa 3D, dell’automazione e dell’internet delle cose.

Ci siamo posti la domanda filosofica se sia giustificato un sistema di produzione di beni basato sia sulla rivendita garantita dello stesso tipo di beni a causa dell’obsolescenza pianificata sia sulle “ garanzie di lavoro” che ne derivano. Insomma, si vive per lavorare o si lavora per vivere? E con la quarta rivoluzione industriale che si profila, ci siamo posti la domanda di cosa succederà dopo che i lavoratori umani non saranno più necessari.

La società pluralista è il risultato di compromesso di un cessate il fuoco nella guerra di classe tra l’oligarchia e le varie altre classi che compromettono il popolo, in generale. Le idee largamente idealizzate e romantiche che sono alla base dell’ideologia liberal-democratica ( così come del fascismo classico) sono utilizzate per spiegare come sia l’oligarchia ad essere così fortemente impegnata in questa disposizione del pluralismo, e che questa stessa disposizione è il prodotto della loro benevolenza, e non la verità: che è stata la lotta messa in piedi dalla gente comune per lottare per un futuro più giusto. Senza dubbio ci sono stati oligarchi benevoli che hanno creduto veramente nell’ideologia liberale, di cui il fascismo è uno dei prodotti più radicali. Ma l’idea che la lotta di classe possa essere assimilata o trasformata in non-esistenza è simile a quella di credere che la legge di gravità possa essere dichiarata illegale in un tribunale.

Forse abbiamo dimenticato quello che ci vuole, e forse le cose non sono andate abbastanza male. La diminuzione dei livelli di testosterone nella popolazione può portare a un momento pericoloso in cui la sfida vigorosa all’ingiustizia è molto meno possibile. L’aspetto critico ora è evitare qualsiasi mezzo artificioso per farci credere che le cose siano migliori di quanto non lo siano, che si tratti di antidepressivi o di altri tipi di automedicazione. Solo con una chiara valutazione della situazione reale sul campo possiamo forgiare la strategia necessaria.

La grande crisi politica attuale è che una pandemia viene usata per giustificare una corsa finale intorno ai diritti costituzionali, una corsa finale intorno alla società pluralista, e così il veicolo – il meccanismo – che il grande pubblico potrebbe usare per lottare per la sua versione di un “ Reset” è sul punto di scomparire.

Per molti versi questo significa che ora è il momento finale. Ci chiediamo: di chi è il " Grande Reset", il nostro o il loro?

 

Fonte: https://www.strategic-culture.org/news/2020/10/18/whose-great-reset-fight-for-our-future-technocracy-vs-republic/

Tradottuzione in italiano per Comedonchisciotte.org a cura di Riccardo Donat-Cattin

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog