Londra: per ogni 3 morti di Covid, altri 2 uccisi dal lockdown

Covid: per ogni tre morti a causa del virus, il lockdown potrebbe averne causato altri due, per via del panico generale che avrebbe mandato in tilt la macchina dei soccorsi e la possibilità di assistere adeguatamente gli altri malati. Lo afferma uno studio governativo britannico, presentato già a luglio dal Sage (Scientific Advisory Group for Emergencies) ma diffuso soltanto ad agosto inoltrato. Per ogni tre decessi causati dal coronavirus – riassume Tom Rayner, giornalista di “Sky News” – ce ne sono stati altri due causati dall’impatto del blocco. Secondo gli analisti del governo inglese, «il blocco nazionale potrebbe aver causato indirettamente 16.000 morti in eccesso in due mesi». Nel dossier si spiega così l’iniziale riluttanza di Boris Johnson di fronte alla scelta del blocco totale, modello Cina: a Londra, già temevano che il lockdown non avrebbe solo aggravato il bilancio economico, ma anche quello sanitario. «I risultati – scrive Rayner – forniscono una possibile spiegazione per la recente affermazione del primo ministro, secondo cui un altro blocco nazionale completo sarebbe considerato solo come una “opzione nucleare”».

Le stime, eseguite dall’Ons (Office for National Statistics) insieme agli analisti di diversi dipartimenti governativi, suggeriscono che la Gran Bretagna abbia pagato un prezzo eccessivo, di fronte alla crisi epidemica che l’Oms ha classificatoTom Rayner, di Sky Newscome pandemica. Tra marzo e maggio il Regno Unito ha contato 38.500 morti, in vario modo collegati alla diffusione del Covid-19. «Tuttavia, il rapporto conclude che il 41% di questi decessi è stato il risultato della mancata assistenza medica, piuttosto che del virus stesso», scrive sempre Rayner. Tra questi, poi, ci sono quei 16.000 decessi in più, che secondo gli studiosi inglesi sarebbero da imputare proprio al lockdown: almeno 6.000 vittime sarebbero il ​​risultato di una «significativa riduzione delle presenze di pronto soccorso e dei ricoveri di emergenza». Si afferma: «Alcune di queste sono esigenze insoddisfatte, probabilmente a causa della riluttanza dei pazienti a cercare cure mediche o altre modifiche ai protocolli».

Il rapporto – continua “Sky News” – sostiene che le altre 10.000 morti in eccesso probabilmente si sono verificate in strutture come le case di cura, a causa di pazienti dimessi dagli ospedali o che non volevano essere trasferiti in ospedale. Ma il dramma non è finito, secondo il dossier governativo inglese: «Sebbene i calcoli abbiano rilevato che 2.500 vite potrebbero essere state salvate da persone che hanno adottato stili di vita più sani durante il blocco, il modello suggerisce che potrebbero esserci ulteriori 26.000 morti in eccesso entro marzo 2021 a causa delle restrizioni in corso alle cure mediche». Complessivamente, conclude Rayner, l’analisi stima che nei prossimi anni «ci potrebbero essere un totale di 81.500 decessi in eccesso, non correlati al coronavirus», a causa di tempi di attesa più lunghi per cure non urgenti. La proiezione, che prolunga il suo sguardo sui prossimi decenni, segnala anche «un aumento della privazione, derivante da una profonda recessione». Tradotto: meno cure e meno assistenza sanitaria, a causa della crisi economica scatenata proprio dal lockdown.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog