Svezia: l’unico grafico che conta

( Nota di CptHook: pare che la Svezia sia, assieme alla Bielorussia, il peggior ostacolo al piano global-terapeutico; qui Mike cita articoli talmente pieni di falsità che, a volte, anche “ La Repubblica”, “ Il Corriere della Sera” e “ La Stampa” possono sembrare imparziali, onesti e non allineati. Per non parlare dei filmati pro-Svezia che spariscono da YouTube, come p.es. questo che aveva avuto anche gli onori di UnoMattina: https://youtu.be/2lMDMP58pz4)

 Mentre l’epidemia di Covid-19 continua a protrarsi negli Stati Uniti, è ampiamente finita in Svezia dove i decessi sono scesi a non più di 2 al giorno nell’ultima settimana. La Svezia è stata duramente criticata dai media per non aver imposto chiusure draconiane come negli Stati Uniti e negli altri Paesi europei e per aver  invece attuato una politica insieme convenzionale e sensata. Ha raccomandato di mantenere una distanza di sicurezza tra persone e ha vietato gli assembramenti di 50 o più persone. È  anche stato chiesto ai cittadini anziani di isolarsi e di evitare il più possibile di interagire con altre persone. A parte questo, gli svedesi sono stati incoraggiati a lavorare, fare esercizio fisico e andare avanti con la propria vita come avrebbero fatto normalmente, anche se il mondo era ancora in piena pandemia globale.

Il segreto del successo della Svezia è che i suoi esperti hanno adottato una strategia realistica, sostenibile e basata sulla scienza. L’intenzione non è mai stata quella di “combattere” il virus che è tra le infezioni più contagiose dell’ultimo secolo, ma di proteggere gli anziani e le persone vulnerabili, consentendo al tempo stesso ai giovani, meno soggetti a rischi, di circolare, di contrarre il virus e di sviluppare gli anticorpi di cui avranno  bisogno in futuro per combattere agenti patogeni simili. Ora è chiaro che questo era l’approccio migliore. E mentre la Svezia potrebbe ancora sperimentare epidemie occasionali che potrebbero uccidere altre 2-300 persone, eventuali recidive dell’infezione in autunno o in inverno non saranno una temuta “seconda ondata”, ma un evento influenzale molto più debole che non travolgerà il sistema sanitario pubblico o ucciderà migliaia di persone.

Come abbiamo già osservato in precedenza, i media sono stati particolarmente feroci nel criticare l’approccio svedese, che hanno descritto come eccessivamente “rilassato”. Date un’occhiata a questo campione di recenti titoli:

  • La Svezia diventa un esempio di come non gestire il COVID-19, CBS News
  • Il mancato isolamento ha causato un aumento di decessi per COVID-19 in Svezia, U of V Newsroom
  • La Svezia è diventata un monito per il mondo, New York Times
  • La Svezia è rimasta aperta e più persone sono morte di Covid-19, ma la vera ragione può essere qualcosa di più oscuro, Forbes
  • La Svezia sperava che l’immunità di gregge avrebbe frenato il COVID-19. Non fate quello che abbiamo fatto noi. Non funziona. USA Today
  • Il numero di morti per coronavirus in Svezia si sta avvicinando a zero, ma gli esperti avvertono di non celebrarlo come un successo, Business Insider
  • Il mancato isolamento ha causato un aumento dei decessi per COVID-19 in Svezia, Conclusione dell’analisi, Virginia edu
  • Svezia COVID-19 Morti legate al mancato isolamento come preparazione del paese per la seconda ondata, Newsweek
  • La Svezia prova un nuovo status: Stato di Pariah, New York Times

Come si può vedere, i media hanno adottato una linea molto dura con la Svezia. Ma perché? Che cosa ha fatto la Svezia per suscitare una tale reazione ostile?

Niente, in realtà, si è solo sottratta agli ordini repressivi di restare a casa e ha perseguito una propria politica indipendente. L’approccio svedese è in netto contrasto con le misure di isolamento che sono costose, inefficaci e socialmente dannose. Ecco l’estratto di un articolo dell’Evening Standard che sottolinea proprio questi punti:

“L’isolamento ha fatto poca differenza per quanto riguarda il numero di morti per coronavirus, ha affermato uno studio. Ricercatori dell’Università di Toronto e dell’Università del Texas hanno affermato che l’isolamento o meno di un Paese “NON è associato” al tasso di mortalità per Covid-19“.

Gli esperti hanno confrontato i tassi di mortalità e i casi in 50 Paesi gravemente colpiti fino al 1° maggio e hanno calcolato che solo 33 persone su un milione erano morte a causa del virus… Lo studio ha dimostrato che l’imposizione di misure di isolamento è riuscita a impedire che gli ospedali venissero travolti, ma non si è tradotta in una riduzione significativa dei decessi.

“Le azioni del governo, come la chiusura delle frontiere, l’isolamento totale e un alto tasso di test Covid-19 non sono stati associati a riduzioni statisticamente significative del numero di casi critici o della mortalità complessiva”, si legge nello studio, pubblicato sulla rivista online EClinicalMedicine di Lancet”.

(“Il lockdown per Coronavirus ‘non ha fatto alcuna differenza relativamente al numero di morti, ma ha impedito che gli ospedali venissero sovraccaricati”, Evening Standard)

In conclusione: le misure di isolamento non funzionano, ma i media continuano a sostenerle. Perché?

Perché i media sono di proprietà di élite che ritengono che le misure di isolamento siano un modo efficace per esercitare un maggiore controllo sulla popolazione. Il vero problema è il potere, non l’efficacia o il salvare vite umane. Il modello svedese mette a repentaglio questo sforzo fornendo una valida alternativa che sfida gli isolamenti e porta i Paesi fuori dalla crisi. Ecco perché la Svezia è stata trattata con una tale aperta ostilità, perché le élite vedono nella gestione delle crisi uno strumento utile per realizzare i cambiamenti strutturali che vogliono imporre al sistema politico ed economico. Gli oligarchi miliardari non vedono le crisi come “periodi di intenso disordine o sofferenza”, ma come opportunità d’oro che possono essere sfruttate a loro vantaggio.

La Svezia è anche criticata per il suo tasso di mortalità che è superiore ad alcuni ma inferiore ad altri. Ad oggi, il numero di morti per coronavirus in Svezia è di 5.667, un numero notevolmente superiore a quello dei suoi vicini in Norvegia e Danimarca, ma inferiore a quello di Belgio, Italia, Francia, Regno Unito e Spagna. In altre parole, la Svezia si trova da qualche parte nel mezzo del gruppo. È interessante notare che la Svezia si confronta abbastanza bene con gli Stati Uniti con una popolazione di dimensioni simili. Date un’occhiata:

  • Svezia: nessun isolamento

Popolazione: 10,2 milioni di abitanti

Morti di coronavirus: 5.667

  • Stato con isolamento n. 1: New York City (Governatore democratico, Andrew Cuomo)

Popolazione:  8,3 milioni

Morti di coronavirus: 32.133 (5 volte e mezzo in più della Svezia con 2 milioni di persone in meno)

  • Stato con isolamento n. 2: New Jersey (altro governatore democratico, Phil Murphy)

Popolazione: 9,2 milioni (1 milione in meno della Svezia)

Morti di coronavirus: 15.684 (quasi il triplo della Svezia con una popolazione inferiore).

  • Stato con isolamento #3: Massachusetts (altro governatore democratico, Charlie Baker)

Popolazione: 6,9 milioni (3 milioni in meno della Svezia)

Morti di coronavirus:  8.380 (1 volta e mezzo il totale della Svezia con 3 milioni di persone in meno).

Questi sono i veri perdenti del Coronavirus, i tre stati governati da governatori liberali che hanno imposto blocchi controproducenti che hanno fatto crollare l’economa, ucciso decine di migliaia di persone e non hanno fatto nulla per fermare la diffusione dell’infezione. Al contrario, la Svezia ha resistito bene alla tempesta, ha rafforzato l’immunità innata della popolazione e ha riportato l’economia sulla strada della ripresa. Date un’occhiata:

“A differenza della maggior parte dei paesi europei, la Svezia non ha imposto severe misure di isolamento. Ora ne sta raccogliendo i frutti, almeno dal punto di vista economico. Un rapporto di Capital Economics pubblicato martedì ha rilevato che l’economia svedese è la meno danneggiata in Europa, descrivendola come “la meno peggio”.

Anche se la Svezia non è stata certo immune dalle ripercussioni economiche della pandemia, è stata l’unica grande economia a crescere nel primo trimestre dell’anno, ha sottolineato il rapporto…

“L’economia svedese ha resistito bene al Covid, in parte grazie all’isolamento contenuto disposto dal governo, e la nostra previsione di un calo del PIL dell’1,5% quest’anno è ben al di sopra del consenso”, hanno scritto gli economisti Andrew Kenningham, David Oxley e Melanie Debono”. (“La Svezia resiste alla tempesta economica del 2020 meglio che altrove”, Business Insider)

I lettori potrebbero voler confrontare i fatti sull’economia svedese con le affermazioni pretestuose del New York Times. Ecco un estratto da un articolo intitolato ” La Svezia è diventata un monito per il mondo”:

“Non solo sono morte migliaia di persone in più (in Svezia) rispetto ai paesi vicini che hanno imposto l’isolamento, ma l’economia svedese è migliorata di poco.

“Non hanno letteralmente guadagnato nulla”, ha detto Jacob F. Kirkegaard, un borsista senior del Peterson Institute for International Economics di Washington. “È una ferita autoinflitta, senza alcun vantaggio economico”…

L’elevato numero di morti dovuto all’approccio svedese è stato chiaro per molte settimane. Ciò che sta emergendo solo ora è come la Svezia, nonostante abbia lasciato che la sua economia procedesse senza ostacoli, abbia comunque subito danni che hanno distrutto il commercio, ridotto la prosperità, pressoché come i suoi vicini”… In breve, la Svezia ha subito un tasso di mortalità molto più alto, mentre non è riuscita a ottenere i vantaggi economici previsti”. (“La Svezia è diventata un monito per il mondo”, New York Times)

Eh? Quindi, la Svezia “non ha guadagnato nulla”, dice il Times? Davvero?

Come conferma il rapporto di Business Insider, l’economia svedese “è stata la meno danneggiata in Europa”, la “meno peggio” (e) “l’unica grande economia a crescere nel primo trimestre dell’anno, il rapporto”. La Svezia sta progressivamente aumentando la sua attività, mentre gli Stati Uniti sono ancora impantanati. Il Times sta deliberatamente ingannando i suoi lettori per continuare la sua guerra alla Svezia. Questo non è giornalismo, è propaganda finalizzata al raggiungimento di determinati obiettivi.

Sapevate che l’esperto svedese di malattie infettive Johan Giesecke aveva avvertito i leader dei paesi in isolamento che i casi e i decessi sarebbero aumentati notevolmente con la revoca dell’isolamento?

Si potrebbe supporre che i nostri leader sarebbero stati abbastanza intelligenti da capirlo prima e modificare la politica di conseguenza, ma non è successo. E ora, con l’avvicinarsi dell’autunno e l’aumento dei decessi, cosa accadrà?

A quel punto i governatori dello stato reintrodurranno le stesse pesanti restrizioni in vigore precedentemente, che aumenteranno la disoccupazione e peggioreranno il sempre più il crollo economico. Nel frattempo, la Svezia sarà in procinto di riavviare la propria economia, rimettere la gente al lavoro e godere dei benefici che derivano da un pensiero indipendente e da una forte leadership. Questo è tratto da un articolo di Reuters:

“Il principale epidemiologo svedese ha dichiarato martedì che un rapido calo di nuovi casi critici di COVID-19 insieme al rallentamento dei tassi di mortalità hanno dimostrato che la strategia svedese per rallentare l’epidemia… stava funzionando. Il capo epidemiologo Anders Tegnell del dipartimento di sanità pubblica ha detto che un rapido rallentamento nella diffusione del virus ha indicato chiaramente che la Svezia ha raggiunto un’immunità relativamente diffusa…

“È effettivamente un ulteriore segnale che la strategia svedese sta funzionando”, ha detto Tegnell. E’ possibile rallentare il contagio velocemente con le misure che stiamo adottando in Svezia” (“Il capo dell’epidemiologia svedese dice che la tanto discussa strategia COVID-19 sembra funzionare”, Reuters).

Naturalmente “funziona”. Perché non dovrebbe? La nostra specie è sopravvissuta migliaia di anni grazie al nostro complesso e adattivo sistema immunitario che sviluppa anticorpi e cellule T killer che combattono le influenze, i virus e le malattie infettive con o senza vaccini. Questa è la brillante strategia della Svezia, permettere all’infezione di diffondersi tra i membri più sani e a basso rischio del paese fino a quando il virus non si sia estinto per mancanza di nuovi ospiti.

E ora la strategia ha funzionato. Il buon senso ha prevalso. Questo è tratto da Bloomberg News:

“ La massima autorità sanitaria svedese dice che le persone che hanno contratto il nuovo coronavirus sono probabilmente immuni per almeno sei mesi dall’infezione, sia che abbiano sviluppato anticorpi o meno….Un recente studio del King’s College di Londra ha dimostrato che il livello di anticorpi può scendere a un livello tale da renderli non rilevabili già tre mesi dopo l’infezione. Tuttavia, l’organismo sviluppa anche altre forme di risposta immunitaria, tra cui le cosiddette cellule T, che sembrano svolgere un ruolo importante nella protezione contro la re-infezione da Covid-19.

Una ricerca dell’Istituto svedese Karolinska ha segnalato che circa il doppio delle persone infettate da Covid-19 ha sviluppato una risposta immunitaria mediata dalle cellule T rispetto a quelle che hanno un livello di anticorpi rilevabile.

“ Il rischio di essere reinfettati e di trasmettere la malattia ad altre persone è probabilmente molto vicino allo zero”, ha detto Tegnell. ..” La Svezia “probabilmente” ha raggiunto un tasso di immunità abbastanza alto che, secondo lui, proteggerà il suo paese da nuove epidemie.

“ Il risultato è che l’epidemia sta ora rallentando molto drasticamente, in un modo che credo pochi di noi avrebbero pensato qualche settimana fa”, ha detto. “(“La Svezia sostiene che l’immunità Covid può protrarsi per 6 mesi dopo l’infezione”, Bloomberg)

 Cosa significa tutto ciò?

Significa che probabilmente solo 1 persona su 7 contrarrà il virus indipendentemente dall’esposizione. Significa che una parte della popolazione ha un’immunità naturale superiore a quanto pensassimo. Significa che il test degli anticorpi non racconta tutta la verità, ma che i linfociti T e la cross-immunità impediscono anche la trasmissione a persone altrimenti sane. Significa che il Covid-19 non è la Peste Nera in grado di sopravvivere alla montatura finalizzata a scatenare la più grande crisi sociale, economica e politica dell’ultimo secolo. Vuol dire che l’isolamento idiota non ha impedito nuovi casi e morti, ma li ha semplicemente rinviati a una data successiva.

Significa che la Svezia era sulla strada giusta fin dall’inizio e sta rapidamente tornando alla normalità, mentre gli Stati Uniti sprofondano ancora di più in una crisi che si sta creando da sé.

Brava Svezia!

 Mike Whitney – 25 luglio 2020 – The UNZ Review – (di Mike Whitney anche: Il trionfo della Svezia: rimanere liberi in un mondo in “lockdown”)

Link: https://www.unz.com/mwhitney/sweden-the-one-chart-that-matters/

Scelto e tradotto da Cinthia Nardelli e Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog