Russia: accuse ad Erdogan e alla sua famiglia per il traffico del petrolio dell'Isis

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Russia: accuse ad Erdogan e alla sua famiglia per il traffico del petrolio dell'Isis

Posted by Jules Previ

Il presidente turco e la sua famiglia trarrebbero beneficio dal commercio illegale di petrolio organizzato dall'Isis.

E' l'accusa che il ministero della Difesa russo ha rivolto a Recep Tayyip Erdogan e ai suoi familiari. Le accuse seguono l'abbattimento di un aereo da guerra russo vicino al confine siriano, avvenuto la scorsa settimana, che ha scatenato una forte polemica tra le due nazioni che avevano sviluppato stretti legami economici.
Le dichiarazioni del viceministro della Difesa
Parlando a decine di addetti militari stranieri e centinaia di giornalisti a Mosca, il viceministro russo della Difesa, Anatoly Antonov, ha detto che la Russia possiede le prove che dimostrano come che il presidente turco e la sua famiglia siano collegati al commercio del petrolio Isis. "Il principale consumatore del petrolio rubato dai legittimi proprietari, Siria e Iraq, è la Turchia - ha continuato Antonov - In base alle informazioni disponibili, il massimo livello della leadership politica del paese, il presidente Erdogan e la sua famiglia sono direttamente coinvolti in questa attività criminale". Antonov ha poi affermato che i militanti Isis guadagnano due miliardi di dollari l'anno dal commercio illegale di petrolio, questo traffico "è una delle più importanti fonti di finanziamento delle attività terroristiche in Siria", ha aggiunto. "L'obiettivo non sono le dimissioni di Erdogan" "Quelle a nostra disposizione sono solo una parte delle informazioni sugli "orribili crimini commessi dai funzionari turchi, che finanziano direttamente il terrorismo internazionale. Antonov ha negato che l'obiettivo di queste accuse siano le dimissioni di Erdogan. "Il nostro obiettivo - ha affermato - è la lotta congiunta contro i finanziamenti al terrorismo". Bombardamenti russi sulle infrastrutture petrolifere dell'Isis Il generale Sergei Rudskoi, vicecapo dello Stato Maggiore russo, ha detto che bombardamenti di Mosca sulle infrastrutture petrolifere del sedicente Daesh in Siria erano riusciti a dimezzare i profitti dei militanti. I funzionari del ministero della Difesa hanno anche mostrato ai giornalisti le immagini satellitari che ritraggono migliaia di camion che trasportano petrolio dalle zone Isis occupate in Siria e in Iraq in Turchia. "A voi giornalisti stiamo presentando una serie di prove inconfutabili, non solo sul traffico di petrolio, ma anche sul traffico di armi attraverso il confine turco-siriano" ha aggiunto Rudskoi. Sottolineando anche che "la coalizione internazionale a guida Usa non conduce raid aerei contro le autocisterne e le infrastrutture dell'Isis in Siria per la produzione e il commercio del petrolio".
Erdogan nega il suo coinvolgimento e quello della Turchia
Il presidente turco ha negato il coinvolgimento della Turchia in commercio di petrolio con l'Isis e ha detto più volte di esser pronto a dimettersi nel caso in cui la Russia dimostrasse la veridicità delle accuse. Inoltre, Erdogan ha dichiarato di non voler inasprire le relazioni con la Russia. Lavrov potrebbe incontrare il suo omologo turco Nel frattempo, a Cipro, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha detto che avrebbe accettato di incontrare il suo omologo turco questa settimana per ascoltare le spiegazioni della Turchia sull'abbattimento del getto forze aeree russe. "Ci incontreremo con il ministro turco degli affari esteri, ascolteremo quello che ha da dire", ha detto Lavrov dopo i colloqui con il suo omologo cipriota di Nicosia. La Russia, invece, sostiene che la Turchia ha abbattuto il suo piano per proteggere ciò che il presidente Vladimir Putin ha definito "sciacallaggio turco del commercio del petrolio dell'Isis". Mosca ha poi imposto sanzioni contro prodotti turchi in rappresaglia per l'abbattimento.

Commenta il post