Il sangue RH negativo è extraterrestre? Ecco la verità sulla teoria che sconvolge il web

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Il sangue RH negativo è extraterrestre? Ecco la verità sulla teoria che sconvolge il web

Il sangue RH negativo è di origine aliena? Questa assurda tesi si è diffusa rapidamente sul web, dove, si sa, le bufale tendono a proliferare. La teoria che fa perno sul fatto che nei primati l’RH negativo non esisterebbe, e che pertanto non potrebbe essere in alcun modo il frutto dell’evoluzione.

Non vi sarebbe, insomma, una spiegazione scientifica plausibile sulla provenienza di questo gruppo sanguigno, originato in realtà dall’ibridazione tra scimmie e una popolazione aliena che avrebbe generato l’umanità per ridurla in schiavitù.

A demistificare la questione è tuttavia, oggi, Barbara Sarina, ematologa dell'ospedale “Humanitas” di Rozzano, alle porte di Milano, che in un’intervista a Adnkronos la definisce un’autentica “follia”.

"Ma quale origine aliena dell'RH negativo”, spiega Sarina, “sono tutte follie”. L’ematologa sottolinea, a questo proposito, l’importanza di donare il sangue se si appartiene a questo raro gruppo sanguigno, proprio a fronte del fatto che sul web appare spesso l’invito a non iscriversi a nessun registro. “Per un donatore RH negativo è importantissimo”, afferma ancora Sarina, “perché può donare a qualsiasi gruppo sia positivo che negativo”.

Ma allora qual è l’origine dell’RH Negativo? Tutto dipende da una proteina, presente o meno sulla superficie dei globuli rossi. “Se la proteina è presente si parla di Rh positivo”, spiega l'ematologa, mentre “se è assente si parla di Rh negativo". E a fare una breve storia di questo gruppo sanguigno emerge che "il nome dato alla proteina deriva proprio dal tipo di scimmia in cui fu individuato da Landsteiner e Wiener per la prima volta nel lontano 1941".

Insomma, niente alieni nel sangue, ma solo le idee confuse di qualche articolista del web con molto tempo libero.

https://it.notizie.yahoo.com/rh-negativo-alieni-bufala-194545939.html

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: