TRAVOLGENTE VITTORIA IN POLONIA DELLA DESTRA NO-UE NO-EURO NO-ISLAM: HA LA MAGGIORANZA ASSOLUTA ( BRUXELLES NEL PANICO)

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

TRAVOLGENTE VITTORIA IN POLONIA DELLA DESTRA NO-UE NO-EURO NO-ISLAM: HA LA MAGGIORANZA ASSOLUTA ( BRUXELLES NEL PANICO)

VARSAVIA. Una vittoria clamorosa, enorme, senza rivali. Tornano al timone a Varsavia, armati della maggioranza assoluta dei seggi nel nuovo parlamento (fatto mai accaduto prima nella Polonia democratica), i conservatori nazionalisti, euroscettici, cattolici, di Diritto e Giustizia (PiS).

Alle elezioni politiche nazionali di ieri hanno ottenuto il 40% dei sondaggi (secondo proiezioni su risultati non ancora definitivi), percentuale che un sistema di voto con premio di maggioranza traduce come minimo in 238 seggi sui 460 che compongono il Sejm, la camera bassa. Per i liberali europeisti di Piattaforma Civica (Po), i registi dell'unica economia nell'Ue mai andata in recessione negli anni della crisi, la batosta è più grossa anche di quanto minacciato dai sondaggi. Piattaforma, il partito dell'ex premier e attuale presidente del Consiglio Europeo Ue Donald Tusk, si è fermato al 23,4% dei voti, ottenendo 135 seggi e nessuna voce in capitolo nella nuova assemblea dominata dai nazionalconservatori.

Al terzo posto è arrivata la formazione del cantante rock 'anti-sistema' Pawel Kukiz, anche lui di posizioni nazionaliste, una specie di "Grillo di destra", con 44 seggi. Poi è la volta di Nowocczesna (Moderni) di orientamento liberale, con 24 deputati e il partito dei contadini Psl con 18 seggi.

E a dare alla vittoria della destra in Polonia i connotati del trionfo è anche la notizia che nessun partito di sinistra è entrato in Parlamento. Tutti bocciati dagli elettori, ad iniziare dal "Fronte della sinistra unita" che radunava quasi tutte le formazioni simili al Pd italiano.

Buona la partecipazione, inoltre, per un Paese dove le urne continuano ad attirare poco, arrivata al 51,6%.

Il gran ritorno di Diritto e Giustizia al potere, senza bisogno di alleati, stravolge gli equilibri nella cosiddetta Nuova Europa, il Centro-Est dell'Ue di cui la Polonia è indiscusso peso massimo, con conseguenze inevitabili anche a Bruxelles.

PiS come premier ha candidato Beata Szydlo, dai toni moderati, come il neo capo dello Stato Andrzej Duda, ma il vero dominus resta Jaroslaw Kaczynski, fratello del defunto presidente Lech, vero incubo per l'Ue negli anni in cui è stato premier - tra il 2006 e il 2007 - e come capo del partito euroscettico.

Preoccupa in particolare le nomenclature burocratico-finanziarie di Bruxelles, la prospettiva che la vittoria dei nazionalconservatori a Varsavia sfoci in un asse con l'Ungheria dell'euroscettico Viktor Orban: uno degli slogan elettorali della destra di Diritto e Giustizia durante la campagna elettorale è stato "Portiamo Budapest a Varsavia", con particolare riferimento alla crociata di Orban contro le banche, fonte di ispirazione per il PiS che promette di introdurre nuovi sussidi per le famiglie con più figli e di abbassare l'età pensionabile portata dai liberali a 67 anni.

Proprio riforme come questa sembrano aver condotto il governo socialdemocratico filo-Ue al capolinea. Secondo molto analisti, gli elettori polacchi ieri sono andati alle urne per bocciare una politica accusata di garantire il benessere a pochi e dimenticare i più, costringendo i giovani ad andare all'estero per trovare lavoro e le famiglie a fare bene i conti prima di pensare a un nuovo figlio. Il tutto per favorire le banche, la finanza, le multinazionali.

Sul fronte della politica estera, la nova Polonia di destra porterà a un veloce tramonto dell'asse con la Germania della Merkel, e addio convergenza sui grandi temi europei.

La sciagurata politica di accoglienza della cancelliera Merkel è stata ampiamente criticata in campagna elettorale. Sul fronte est, poi, c'è una viccenda tutta polacca: si annunciano tensioni con la Russia, accusata di essere dietro il disastro aereo dell'aprile 2010: nello schianto del Tupolev nei pressi di Smolensk morirono 96 persone, tra queste molti esponenti dei vertici polacchi e lo stesso fratello-gemello Lech, all'epoca presidente.

A parte questo, le elezioni politiche in Polonia confermano che i popoli d'Europa non ne possono più della Ue, delle oligarchie dei banchieri, dello strapotere della finanza incarnato dalla Bce, dell'arroganza della Germania e della stupidità d'aver spalancato le porte all'invasione extracomunitaria islamica, mascherata da "accoglienza dei poveri profughi" che rappresentano, nell'oltre un milione di clandestini lasciati arisivare da Italia e Germania, neppure il 20%.

E' la matsina di un nuovo giorno, per l'Europa, la vittoria della destra in Polonia.

(da Il Nord)

Redazione Milano.

Commenta il post