Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Vi ricordate di Igor Kolomoisky?

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Vi ricordate di Igor Kolomoisky, governatore israelo-ucraino della regione di Dnepropetrovsk, banchiere, oligarca, che ha utilizzato le formazioni paramilitari di estrema destra ucraine dapprima per prendere il potere in seguito al colpo di stato di Maidan, poi per usare la forza contro lo stesso Poroshenko quando la sua attività di estrazione del gas e le sue aziende sono state toccate dal governo di Kiev? Ne abbiamo parlato alcuni mesi fa nell'articolo Chi di guerra ferisce...  Oggi lo ritroviamo nelle cronache tedesche sull'Ucraina, a quanto pare, che narrano delle sue nuove, eroiche, imprese....
[Redazione]


L'autore dell'articolo della rivista tedesca Deutsche Wirtschafts Nachrichten sostiene che Kiev e Washington chiudano gli occhi davanti a questo fatto per il contributo dell'oligarca nei finanziamenti dell'operazione militare ucraina nel Donbass.

15:07 30.08.2015 - L'ex governatore della regione di Dnepropetrovsk, l'oligarca Igor Kolomoisky, ha fraudolentemente portato nei paradisi fiscali una parte della tranche di aiuti finanziari del Fondo Monetario Internazionale versata all'Ucraina nell'aprile 2014, riferisce Deutsche Wirtschafts Nachrichten. La rivista tedesca ha condotto un'inchiesta ed ha scoperto che una parte significativa della tranche di aiuti dall'estero pari ad un importo di diverse centinaia di milioni di dollari, ovvero 1,8 miliardi $, è stata girata sui conti di "PrivatBank", la banca di proprietà dell'oligarca ucraino.

"L'importo della prima tranche ammontava a 4,5 miliardi di dollari. Tuttavia 1,8 miliardi di dollari sono scomparsi. Tramite il gruppo "PrivatBank", controllato dall'oligarca ucraino Igor Kolomoisky, gran parte della prima tranche del FMI è stata portata in nero all'estero. In cambio l'oligarca sosteneva di finanziare le truppe ucraine e di comprare per l'esercito la benzina. Secondo Kolomoisky, senza il suo sostegno finanziario l'Ucraina avrebbe subito una sconfitta schiacciante,"

— scrive la rivista tedesca.

Tuttavia Kolomoisky ha inviato solo una parte del denaro alle forze militari di Kiev. Più di mezzo miliardo di dollari è finito nei conti personali. Il giornalista tedesco, basandosi sulla task force anticorruzione ucraina, descrive lo schema fraudolento attraverso cui l'oligarca si è appropriato dei soldi del FMI.

"Nell'estate dello scorso anno la "PrivatBank" di Kolomoisky ha erogato a 42 imprese ucraine prestiti per quasi 2 miliardi di dollari. Dato che la maggior parte delle imprese appartenevano alle holding dell'oligarca, di fatto si era girato i fondi autofinanziandosi. Con questi soldi le aziende hanno ordinato merci dai 6 società straniere, 3 delle quali hanno la sede legale nel Regno Unito, 2 nelle Isole Vergini Britannniche e 1 nei Caraibi. In realtà le merci non sono mai state consegnate e i soldi sono rimasti nei conti della filiale di "PrivatBank" a Cipro. La grivnia ha cominciato a precipitare ed hanno cercato di sostenerla fittiziamente,"

— si afferma nei risultati dell'inchiesta.

Matthew Rojansky, direttore dell'Istituto Kennan presso il Centro Internazionale "Woodrow Wilson" è sicuro che tutto questo sia parte di un accordo dell'oligarca con Washington e Kiev:

Kolomoisky ha ceduto il controllo delle imprese ucraine, le regioni di Odessa e Dnepropetrovsk, in cambio è stato cancellato della "blacklist" degli Stati Uniti.
"Al momento Igor Kolomoisky si trova negli Stati Uniti e le autorità ucraine non possono toccarlo. Sotto la pressione dell'opinione pubblica è stata avviata un'inchiesta contro " PrivatBank",

— scrive il giornalista tedesco.

Immagine di apertura: © REUTERS/ Valentyn Ogirenko/Files

Fonte: it.sputniknews.com

Commenta il post