Artico si scioglie, rischio di catastrofe mondiale

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

L'Artico è lontano da tanti Paesi del mondo ma il suo scioglimento sempre più veloce minaccia tutto il Pianeta.

Mari che si alzano e sommergono città, esodi di massa e profughi in fuga, malattie, economie in crisi, modifica degli ecosistemi, incendi, migrazioni di uccelli e pesci, liberazione di anidride carbonica per attività microbiche e rilascio di metano dal permafrost, che alzano la febbre della Terra. Scenari che scienziati e ambientalisti ripetono da troppo tempo avvertendo che potremmo essere a un punto di non ritorno se non si mette un freno alle emissioni di gas a effetto serra e se non si contiene entro i 2 gradi centigradi l'aumento della temperatura globale. Ora c'è la consapevolezza politica e la conferenza Glacier in Alaska, voluta dal presidente americano Obama, assicura impegni e interventi urgenti. L'orso bianco che si sposta a nord perché non riesce più a cacciare nelle stesse zone e si nutre di delfini o uova di uccelli marini, affollamento di migliaia di trichechi sulle coste per mancanza di lastroni di ghiaccio dove riposarsi, oceani sempre più acidi e corrosivi che alterano la vita di alcuni organismi marini. La natura dà i suoi segnali. Le trasformazioni nelle regioni artiche "a partire dagli anni '60, con il drammatico aumento delle emissioni di CO2 a livello globale, hanno un'influenza sul clima di tutto il Pianeta, in un vortice di meccanismi di feedback positivi che accelerano la fusione dei ghiacci e del permafrost, liberando nuove riserve di carbonio sotto forma sia di metano che di CO2" dice Maria Grazia Midulla responsabile clima ed energia del Wwf auspicando che "un'azione significativa per il clima, diventi una priorità assoluta per tutti i Governi del mondo".

Postato da Jules Previ

Commenta il post