Ue: Economisti tedeschi contrari alla creazione di un ministero delle Finanze europeo

BERLINO- Lo scontro interno all'Europa innescato dalla crisi della Grecia dimostra come il futuro dell'Europa sia appeso ad un filo:

oggetto della contesa è la futura fisionomia dell'unione monetaria. Il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha una propria visione che però, secondo l'opinionista del settimanale "Der Spiegel" Wolfgang Muenchau, non può funzionare. "Prima di tutto - spiega Muenchau - bisogna separare le posizioni: perché il federalismo di Schaeuble è completamente diverso da quello promosso da Guy Verhofstadt, l'ex premier belga, alla guida dei Liberali al Parlamento europeo". Il carattere distintivo dell'Europa immaginata da Schaeuble è rappresentato "da un centro convergente: poiché la Germania è il paese più grande ed economicamente più importante dell'eurozona, in questo caso per convergenza si intende che tutti gli altri Stati si debbano avvicinare alla Germania". E non si parla solamente di regole di bilancio - che devono valere per tutti - ma anche "di convergenza nell'economia privata". L'economia nazionale tedesca vanta un elevatissimo attivo della bilancia delle partite correnti: quest'anno l'eccedenza è ammontata all'8 per cento circa del pil annuo. I partner ideali della Germania nell'unione monetaria immaginata da Schaeuble sarebbero altri paesi vocati all'export, come ad esempio i Paesi Bassi. Ma in Europa non ce ne sono molti: forse cinque o sei dei 19 totali. La Francia - sottolinea l'opinionista - "non è uno di questi e, farebbe parte del 'centro' di Schaeuble solo per motivi politici". E ancora non si capisce se l'Italia ne farebbe parte o meno", conclude Muenchau, che in questo modo evidenzia tutte le lacune e i punti grigi del progetto del ministro tedesco. Lo riferisce Agenzia Nova

Posted by Jules Previ

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog