Precari " è bello" - di Jules Previ

Precari " è bello" - di Jules Previ

Il retrogusto del licenziamento è una scarica di adrenalina da assaporare con la compagna(o) pure precaria(o) e magari due pargoletti da crescere, la flessibilità un gadget erotico con cui rendere più eccitante la vostra intimità, lo smantellamento quotidiano dei diritti una necessità per costruire il nuovo ordine sociale.

Insomma, precari " è bello".

Godetene la bellezza, qualcuno poi vi dirà che è pure un'opportunità.

Per noi, ovvio.

I loro figli danno il buon esempio, poveretti, sacrificandosi, costretti ad accettare un noioso posto fisso o più incarichi... tutti profumatamente remunerati, ben s'intende. Come una volta.

A stupire, badate bene, non è la casualità con cui i discendenti dei nostri governanti, galoppini e politicanti di tutte le razze, riescono ad ottenere un posticino, ma la pruriginosa facciata moraleggiante e perbenista dei loro genitori, Savonarola dal portafoglio gonfio che si sentono autorizzati, pur non avendone ricevuto il mandato, a decidere del futuro dei nostri figli.

Jules Previ

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog