Draghi e la Merkel calano le braghe, Ue sputtanata e le Borse volano

 

Si gonfia spaventosamente la bolla

Ftse Mib (+2,50%). Yoox, Ubi Banca, Moncler, BpM, Intesa, Bper, Eni, Tenaris, Azimut, Ferragamo, Telecom, Luxottica, Saipem i migliori. In calo MPS, Buzzi, WDF ed Stm.

Scusate, cari lettori, ma non posso iniziare il commento alla giornata odierna di Borsa senza ricordarvi cosa ho scritto ieri commentando la seduta di Borsa:

Insomma tutti attendono “la notizia” che prima o poi arriverà, perché Atene ha cominciato a ricattare tutti dicendo senza mezzi termini che dopo la caduta del “Partenone” crollerà anche il “Colosseo” e poi il “Museo del Prado” e, perché no, anche la “Tour Eiffel”.

Ed ancora

Ed allora vedrete che si inventeranno un altro “intervento ponte” per andare a dopo l’estate, anche se passare da un ponte ad un altro la situazione non migliora, anzi, peggiora drammaticamente.

Sono un veggente? Direi di no! Però tutte le agenzie fino a mezz’ora fa dicevano che la Ue aveva rifiutato il piano di Tsipras e la situazione era particolarmente critica, poi …

Poi Draghi aumenta l’ELA  fino a 83 miliardi e la Merkel dice che è disposta a finanziare ancora la Grecia in cambio di una riformina, veramente ridicoli entrambi.

Per l’Italia questa è una notizia drammatica, dovremo tirar fuori altri soldi per darli alla Grecia e la nostra agonia continuerà senza sosta, insomma una situazione che sta degenerando.

L’Europa non ci aiuta a gestire un’invasione dall’Africa di proporzioni inimmaginabili e ci chiede pure di contribuire a mantenere in essere una situazione in Grecia che è chiaramente insostenibile.

E sempre l’Europa sta affamando intere popolazioni, e tutti, purtroppo, sappiano che l’esasperazione porterà alla violenza, è solo questione di tempo, stiamo consegnando ai nostri figli un Continente economicamente a pezzi.

Naturalmente in questo contesto le Borse guadagnano in quanto totalmente scollegate dalla realtà, vengono gonfiate artificialmente pensando che la finanza riesca a reggere l’economia, non può essere così!

La finanza può supportare l’economia in alcuni momenti, ma non può determinarla, la finanza può crescere solo in un’economia sana, non in un’economia malata, e quando questo accade, come in questi ultimi anni, è perché viene manipolata.

Ciò che si vede sui mercati è solo un’aberrazione, e purtroppo non innocua, quando ci verrà portato il conto, sarà salato, non dobbiamo mai dimenticare che i soldi di plastica non valgono nulla.

Giancarlo Marcotti

Si gonfia spaventosamente la bolla

Ftse Mib (+2,50%). Yoox, Ubi Banca, Moncler, BpM, Intesa, Bper, Eni, Tenaris, Azimut, Ferragamo, Telecom, Luxottica, Saipem i migliori. In calo MPS, Buzzi, WDF ed Stm.

Scusate, cari lettori, ma non posso iniziare il commento alla giornata odierna di Borsa senza ricordarvi cosa ho scritto ieri commentando la seduta di Borsa:

Insomma tutti attendono “la notizia” che prima o poi arriverà, perché Atene ha cominciato a ricattare tutti dicendo senza mezzi termini che dopo la caduta del “Partenone” crollerà anche il “Colosseo” e poi il “Museo del Prado” e, perché no, anche la “Tour Eiffel”.

Ed ancora

Ed allora vedrete che si inventeranno un altro “intervento ponte” per andare a dopo l’estate, anche se passare da un ponte ad un altro la situazione non migliora, anzi, peggiora drammaticamente.

Sono un veggente? Direi di no! Però tutte le agenzie fino a mezz’ora fa dicevano che la Ue aveva rifiutato il piano di Tsipras e la situazione era particolarmente critica, poi …

Poi Draghi aumenta l’ELA  fino a 83 miliardi e la Merkel dice che è disposta a finanziare ancora la Grecia in cambio di una riformina, veramente ridicoli entrambi.

Per l’Italia questa è una notizia drammatica, dovremo tirar fuori altri soldi per darli alla Grecia e la nostra agonia continuerà senza sosta, insomma una situazione che sta degenerando.

L’Europa non ci aiuta a gestire un’invasione dall’Africa di proporzioni inimmaginabili e ci chiede pure di contribuire a mantenere in essere una situazione in Grecia che è chiaramente insostenibile.

E sempre l’Europa sta affamando intere popolazioni, e tutti, purtroppo, sappiano che l’esasperazione porterà alla violenza, è solo questione di tempo, stiamo consegnando ai nostri figli un Continente economicamente a pezzi.

Naturalmente in questo contesto le Borse guadagnano in quanto totalmente scollegate dalla realtà, vengono gonfiate artificialmente pensando che la finanza riesca a reggere l’economia, non può essere così!

La finanza può supportare l’economia in alcuni momenti, ma non può determinarla, la finanza può crescere solo in un’economia sana, non in un’economia malata, e quando questo accade, come in questi ultimi anni, è perché viene manipolata.

Ciò che si vede sui mercati è solo un’aberrazione, e purtroppo non innocua, quando ci verrà portato il conto, sarà salato, non dobbiamo mai dimenticare che i soldi di plastica non valgono nulla.

Giancarlo Marcotti

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog