Allarme ambrosia in tutta Italia

Allarme ambrosia in tutta Italia

Da meno di trent’anni a questa partel’ambrosia è divenuta un vero e proprio incubo per gli allergici, e la pessima notizia è che queste piante infestanti di origine americana, in futuro, non faranno che diffondersi a macchia d’olio.

A quanto previsto da uno studio del Laboratoire des Sciences du Climat et de l’Environnement del CNRS francese, infatti,entro il 2050 il polline di ambrosia quadruplicherà in Europa e in Italia.
I ricercatori sono giunti a questo risultato impiegando modelli matematici che calcolano la dispersione dei pollini e la variazione nella quantità prodotta da ogni singola pianta, incrociando poi questi dati con quelli dei cambiamenti climatici in corso.

Ne risulta una progressiva estensione dell’ambrosia verso il nord e il centro dell’Europa, fino alla Gran Bretagna — dove attualmente non è molto diffusa —, con un aumento nelle zone in cui essa già è presente. L’aumento è purtroppo ritenuto inarrestabile, ed è dovuto alla naturale propagazione dei semi, al cambiamento del clima e al riutilizzo di terreni che forniranno alla pianta nuovi habitat.

In Italia sarà il nord, e in particolare la Lombardia e la pianura padana, ad essere interessate alla diffusione dell’ambrosia. Al momento la Lombardia, dove il 50% delle riniti allergiche è causato da questa pianta, ha dei piani per l’eradicazione dell’ambrosia. Che è tuttavia molto resistente e trova nel settentrione un habitat perfetto.
Un’autentica piaga per gli allergici, che aumenteranno in numero, e che vedranno lo slittamento del periodo di maggior diffusione della rinite allergica dalla primavera alla tarda estate, quando la pianta produce i pollini che provocano allergia.

https://it.notizie.yahoo.com/allergia-ambrosia-italia-214418554.html

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog