Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Home – A casa/ la recensione di Sara Michelucci

Se l’ET di Steven Spielberg era finito per caso sulla Terra e voleva a tutti i costi ritornare nello spazio dai suoi genitori, inHome - A casa, film d'animazione della DreamWorks Animation, diretto da Tim Johnson, la tribù aliena dei Boov cerca un posto dove stanziarsi. La pellicola, che è l’adattamento cinematografico del romanzo per ragazzi, The True Meaning of Smekday, scritto da Adam Rex, ha come protagonista Tip, un’adolescente che abita con sua madre e il suo gatto.
L’incontro in un supermarket con l’alieno Oh, che fa parte della specie extraterrestre Boov, da cui però si è allontanato dopo aver combinato un grosso guaio, le cambierà la vita. Vivranno insieme un mare di avventure più o meno divertenti, dovranno confrontarsi con il cinico Smek, capo dei Boov, e tra loro si creerà una tenera amicizia. Tip deve ritrovare sua madre, ed Oh le sarà di grande aiuto in questa impresa.
In un momento storico particolare come quello che si sta attraversando, dove l’arrivo dei migranti è visto con sospetto e paura e come una sorta di ‘invasione’, questo nuovo film d’animazione mette al centro proprio la conoscenza dell’altro, anche se diverso da noi per abitudini, cultura o vissuto. È un modo bello e intelligente di affrontare la diversità e di imparare cosa significhi aprirsi a nuovi mondi, senza i limiti che la paura pone nel mezzo.
Home – A casa (Usa 2015)
REGIA: Tim Johnson
SCENEGGIATURA: Tom J. Astle, Matt Ember
ATTORI: Jim Parsons, Jennifer Lopez, Rihanna , Steve Martin, Matt Jones
MONTAGGIO: Jessica Ambinder-Rojas, Alexander Berner
MUSICHE: Joel McNeely
PRODUZIONE: DreamWorks Animation
DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox

Tag(s) : #Lodigiano: Nelle Sale Cinematografiche
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: