Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Sarebbe bello essere obiettivi nella vita, in diversi modi. Il problema è che abbiamo questi occhiali colorati nell'osservare vari tipi di situazioni. Per esempio, pensate a una cosa semplice come una birra.Se vi dessi qualche birra da assaggiare e vi chiedessi di dare un voto all'intensità e all'amarezza,diverse birre si posizionerebbero diversamente. Ma se provassimo a essere obiettivi? Nel caso della birra, sarebbe molto semplice. Se facessimo un test alla cieca? Se assaggiaste la stessa birra, nel test alla cieca, le cose sembrerebbero leggermente diverse. Gran parte delle birre andrebbero da una parte. In pratica non sareste in grado di distinguerle, e l'eccezione, naturalmente, sarebbe la Guiness.(Risate)

1:01In modo simile, possiamo vedere la fisiologia. Cosa succede quando ci si aspetta qualcosa dalla fisiologia? Per esempio, abbiamo venduto antidolorifici alla gente. Ad alcuni abbiamo detto che i medicinali erano costosi. Ad altri abbiamo detto che erano economici. Gli antidolorifici costosi erano più efficaci. Hanno fatto passare meglio il dolore, perché le aspettative cambiano la fisiologia.Naturalmente, sappiamo tutti che nello sport, se siete tifosi di una squadra, non potete non guardare la partita dal punto di vista della vostra squadra.

1:33Tutti questi sono casi in cui i preconcetti e le nostre aspettative influenzano il nostro mondo. Ma cos'è successo in questioni più importanti? Cos'è successo in questioni che riguardavano la giustizia sociale?Volevamo pensare alla versione alla cieca del test sulla ineguaglianza. Abbiamo cominciato ad analizzare l'ineguaglianza, e abbiamo fatto indagini su vasta scala negli Stati Uniti e in altri paesi.Abbiamo fatto due domande: la gente sa che livello di ineguaglianza ci sia? E poi, quale livello di ineguaglianza vogliamo? Guardiamo la prima domanda. Immaginate di prendere tutti gli americani e di ordinarli dal più povero a destra al più ricco a sinistra, e dividerli in cinque gruppi: il 20 per cento più povero, il 20 per cento successivo, quello dopo, quello dopo, e il 20 per cento più ricco. E poi ho chiesto di dire quanta ricchezza pensate sia concentrata in ciascun gruppo. Per farla semplice, immaginate vi chiedessi, quanta ricchezza pensate sia concentrata nei primi due gruppi, il 40 per cento? Prendetevi un attimo. Pensateci e ditemi un numero. Di solito non si pensa. Pensate per un attimo, pensate a un numero. Ce l'avete?

2:52Ok, ecco cosa ci dicono molti americani. Pensano che il 20 per cento più povero abbia il 2,9 per cento della ricchezza, il gruppo successivo il 6,4 per cento, quindi insieme fanno poco più di nove. Il gruppo successivo, dicono, ha il 12 per cento, 20 per cento, e il 20 per cento più ricco, pensano che abbiano il 58 per cento della ricchezza. Potete vedere come sia rispetto a quello che avete pensato.

3:17Qual è la realtà? La realtà è un po' diversa. Il primo 20 per cento ha lo 0,1 per cento della ricchezza. Il 20 per cento successivo ha lo 0,2 per cento della ricchezza. Insieme, fanno lo 0,3 per cento. Il gruppo successivo ha il 3,9 per cento, 11,3 per cento, e il gruppo più ricco ha l'84-85 per cento della ricchezza. Quello che abbiamo e quello che pensiamo di avere sono molto diversi.

3:46E quello che vogliamo? Come facciamo a capirlo? Per analizzarlo e vedere cosa vogliamo veramente,abbiamo pensato al filosofo John Rawls. Se ricordate John Rawls, aveva quel concetto di società giusta. Diceva che una società giusta è una società di cui se sapeste tutto, sareste disposti a entrarci in una posizione sociale qualunque. È una bellissima definizione, perché se siete ricchi, vorreste che i ricchi avessero più soldi, e i poveri meno. Se siete poveri, vorreste avere più equità. Ma se siete in quella società in qualunque situazione e non sapete, dovete considerare tutti gli aspetti. È un po' come un test alla cieca in cui non sapete quale sarà il risultato quando prendete una decisione, e Rawls lo ha chiamato "velo dell'ignoranza".

4:33Abbiamo preso un altro grande gruppo di Americani, e abbiamo fatto la domanda nel velo dell'ignoranza. Quali sono le caratteristiche di un paese in cui vorreste vivere, sapendo che potreste finire in qualunque posizione? Ecco cosa abbiamo ottenuto. Cosa ha dato la gente al primo gruppo, il 20 per cento più povero? Hanno voluto dare circa il 10 per cento della ricchezza. Il gruppo successivo, 14 per cento della ricchezza, 21, 22 e 32.

5:03Nessuno nel nostro campione ha voluto piena uguaglianza. Nessuna ha pensato che il socialismo sia un'idea fantastica. Ma cosa significa? Significa che c'è un divario di conoscenza tra quello che abbiamo e quello che pensiamo di avere, ma abbiamo almeno un divario simile tra quello che pensiamo sia giusto e quello che pensiamo di avere.

5:23Possiamo fare queste domande, non solo per la ricchezza. Possiamo farle anche per altri temi. Per esempio, abbiamo fatto questa domanda in diverse parti del mondo, liberali e conservatori, e ci hanno dato la stessa risposta. L'abbiamo fatta a ricchi e poveri, e hanno detto lo stesso, uomini e donne,ascoltatori di NPR e lettori di Forbes. Abbiamo chiesto a gente in Inghilterra, Australia e Stati Uniti --risposte molto simili. Abbiamo chiesto a molti dipartimenti di un'università. Abbiamo controllato quasi tutti i dipartimenti a Harvard, e infatti, dalla Harvard Business School, in cui pochi volevano che i ricchi avessero di più e i poveri di meno, le somiglianze erano stupefacenti. So che alcuni di voi ci sono andati.

6:07Abbiamo anche fatto la domanda su qualcos'altro. Abbiamo chiesto del rapporto tra il salario di un amministratore e quello di impiegati senza qualifica. Vedete quale sia il rapporto che vede la gente, e poi abbiamo chiesto quale pensavano dovesse essere il rapporto. Poi ci siamo chiesti qual è la realtà.Qual è la realtà? Pensate che non sia così male, giusto? Il rosso e il giallo non sono molto diversi. Ma il fatto è che non li ho disegnati con la stessa scala. È difficile da vedere, c'è dentro il giallo e il blu.

6:41E altre conseguenze della ricchezza? La ricchezza non è solo ricchezza. E questioni come la salute?La disponibilità di prescrizioni mediche? L'aspettativa di vita. L'aspettativa di vita dei bambini? Come vogliamo che sia distribuita? E l'istruzione per i giovani? E per le persone anziane? In tutte queste cose abbiamo capito che alla gente non piace la disuguaglianza di ricchezza, ma ci sono casi in cui l'ineguaglianza che è conseguenza della ricchezza, è considerata anche peggiore: per esempio, l'ineguaglianza nella salute e nell'istruzione. Abbiamo anche capito che la gente è aperta a cambiamenti nell'uguaglianza quando si tratta di persone che hanno meno indipendenza -- in sostanza, ragazzi e bambini, perché non li vediamo responsabili della situazione.

7:33Cosa possiamo imparare da questo? Abbiamo due lacune: una lacuna nelle conoscenze e un'altra nei desiderata. Alle lacune di conoscenze possiamo provvedere: come formiamo le persone? Come spingere le persone a pensare altrimenti all'ineguaglianza e le conseguenze dell'ineguaglianza in termini di salute, istruzione, gelosia, tasso di criminalità, e così via?

7:52Poi c'è la lacuna nei desiderata. Come portiamo la gente a vedere diversamente quello che vuole veramente? La definizione di Rawls, il suo modo di vedere il mondo, l'approccio alla cieca, esclude la motivazione egoistica. Come lo applichiamo a un livello superiore su scala più vasta?

8:10Infine, abbiamo anche una lacuna nell'azione. Come possiamo fare qualcosa per queste cose? Parte della risposta sta nel pensare alle persone come giovani e bambini che non hanno molta indipendenza,perché la gente è più disposta a farlo.

8:26Per riassumere, la prossima volta che andate a bere una birra o del vino, prima di tutto, pensate a cos'è reale della vostra esperienza, e cos'è risultato dell'effetto placebo derivante dalle vostre aspettative?Pensate a cosa significa per altre decisioni nella vita, e anche per questioni politiche che influenzano tutti noi.

8:47Grazie mille.

8:49(Applausi)

http://www.ted.com/talks/dan_ariely_how_equal_do_we_want_the_world_to_be_you_d_be_surprised/transcript?language=it

Tag(s) : #Lodigiano: Ted Talks
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: