«Qualsiasi azione positiva può essere distrutta da un solo momento d'ira»
afferma un celebre testo del buddhismo,

Tra le tante sentenze del pensiero orientale, nessuna forse ci è più familiare di questa.

Fenomeno endemico della nostra cultura, l'ira costituisce, infatti, una delle radici indiscusse dell'infelicità, della sofferenza, della discordia e della violenza che caratterizzano il nostro mondo. Viene manifestata centinaia di volte al giorno dai media. La si ritrova nel modo in cui vengono regolate le controversie nella nostra società; nel modo in cui i leader politici si comportano nelle aule del Parlamento; nell'aumento della violenza domestica e nei maltrattamenti contro i bambini; nel senso di odio verso noi stessi che pervade la nostra cultura.

L'antidoto contro l'ira è la pazienza, elevata a vera e propria arte soltanto dal buddhismo.

Tenzin Gyatso, il XIV Dalai Lama, svela in questo libro le principali tecniche dell'arte di essere pazienti, e mostra come la pazienza non presupponga affatto passività e arrendevolezza ma, all'opposto, saldezza e risolutezza di carattere.

Torna alla home