Wall Street torna a volare, e nessun sa perché

Wall Street torna a volare, e nessun sa perché

Fusioni ed acquisizioni

Vola Catamaran Corp. dopo l’acquisizione da parte di Unitedhealth. Rialzo a doppia cifra anche per Analog Devices. In calo Facebook e Gilead Sciences.

Qualcuno cerca di spiegare il rialzo odierno mettendolo in relazione con l’intervento di venerdì scorso da parte della Yellen, ma quando la Presidentessa della Fed ha cominciato a parlare Wall Street era ancora aperta e non aveva accolto con entusiasmo il suo discorso.

Forse oggi quel discorso è stato re-interpretato ed ha assunto toni completamente diversi?

Altri invece parlano di un effetto “trascinamento” dovuto ad operazioni di M&A, soprattutto in alcuni settori. Ma se le fusioni possono essere premiate dal mercato poiché ne scorge possibili sinergie, occorre anche sottolineare che sono operazioni che indicano la fine, o comunque la fase “matura”, di un ciclo economico, non certo una ripartenza come invece cercano di farci credere.

E se la Banca Popolare Cinese è costretta ad annunciare che cercherà di stimolare l’economia è perché le cose non vanno tanto bene, nemmeno a loro.

Ed infine apprendere, come abbiamo fatto venerdì scorso, che il Pil del quarto trimestre negli Stati Uniti non è andato oltre un +2,2% (anziché il previsto +2,4%) non è una buona notizia, tantomeno se il rialzo viene attribuito totalmente alla crescita dei consumi (+4,4%). Oggi, infatti, ci hanno comunicato che nel mese di febbraio i consumi sono rimasti pressoché fermi (+0,1%), ed allora non indicano un rallentamento della crescita?

Continuiamo quindi con il paradosso che più le cose vanno male e più le Borse salgono, facciamo attenzione, però, perché i paradossi continuano fintanto qualcuno non si accorge che sono paradossi.

Occorre infine riconoscere che le comunicazioni oggi sono molto più “sofisticate”, tempo fa, ad esempio, vi chiedo: di quanto sarebbe crollato il titolo Lufthansa dopo un disastro aereo? Oggi invece possiamo dire che in Borsa non è costato più di un paio di punti percentuali, tutto è andato immediatamente a posto: si è trattato semplicemente del gesto di un depresso! E Boeing oggi è risultato il miglior titolo fra quelli che compongono l’indice DJ, i costruttori ed i vettori di aerei non hanno alcuna colpa, contro la pazzia non ci può essere rimedio.

Dow Jones (+1,49%) svetta Boeing (+2,59%) seguito da Unitedhealth (+2,53%) che va in giro a far shopping e ritocca così il proprio massimo storico, inoltre un grande contributo all’indice più vecchio del mondo oggi è arrivato anche dall’ultimo “arrivato”, cioè Apple (+2,53%)

Soltanto un paio i ribassi, Intel (-1,69%) e Microsoft (-0,02%).

S&P500 (+1,22%) rimbalzano Exelon (+3,52%), Freeport McMoran (+3,09%) e Qualcomm (+2,76%)

Anche qui due soli ribassi, peraltro decisamente contenuti, si tratta di Gilead Sciences (-0,31%) e Facebook (-0,13%).

Nasdaq (+1,15%) fuochi d’artificio sull’indice tecnologico, Catamaran Corp (+23,82%) dopo l’annuncio che Unitedhealth acquisterà la società sborsando la bellezza di 12,8 miliardi di dollari. Vola anche negli spazi siderali Analog Devices (+10,15%)complice l’upgrade di Barclays, quindi Express Scripts (+3,67%)

Dopo l’exploit della vigilia dovuto alla notizia dell’acquisizione ritraccia Altera (-3,54%). In calo, ma termina sui massimi di giornata il titolo biotech Mylan (-2,64%) e scende ancora Vodafone (-0,72%).

Giancarlo Marcotti

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog