Tfr: il Governo tenta lo scippo

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Tfr: il Governo tenta lo scippo

Siete il Governo italiano, come sempre avete bisogno di soldi, dove li andate a prendere? Ovviamente, tassate, ritassate e tartassate.

Magari cominciando ad aumentare le imposte indirette, ed in questa maniera deprimete i consumi, visto che non basta aumentate anche le imposte dirette divorando gran parte del reddito dei vostri sudditi, ma non basta ancora, ed allora aumentate le tasse, cioè i corrispettivi dovuti in cambio di un servizio (normalmente scadente), ma non basta, ed allora aumentate i contributi e le accise e i bolli e aumentate tutte le sanzioni ed insomma ogni genere di tributo in un vortice tale che per i vostri cittadini la vita diventa un inferno senza vie d’uscita …

… ma …

… NON BASTA!!!

E allora? Cosa fate? Più di così sembra impossibile!

Sapete che il livello di sopportazione dei vostri sudditi (gli italiani) è quasi infinito, sapete anche, però, che ad un certo punto tutto esploderà … ma voi avete ancora bisogno di soldi, cosa fate?

Ecco l’idea!

Tassare oggi un’entrata futura!

Voi (sempre inteso voi Governo italiano) sapete infatti che i vostri sudditi con il diritto alla quiescenza percepiranno il cosiddetto Tfr, certo, in quel momento voi lo tosate per bene (andate a chiedere a coloro che recentemente hanno incassato il Tfr quanto hanno preso “netto” e quanto hanno lasciato in “imposte”), ma voi avete bisogno dei soldi SUBITO, e dato che avete posticipato l’età pensionabile sono sempre meno coloro che in questi anni hanno acquisito tale diritto ed allora cosa fate?

Fate una bella legge che permette ai vostri sudditi di percepire il Tfr in busta paga e non più accantonarlo come accadeva finora, così lo potete tassare subito e per bene. Ed ecco così che voi anticipate ad oggi una entrata futura, ovviamente tartassandola, perché la inserite nella tassazione ordinaria e non, come accade ora con il Tfr, in quella separata (meno onerosa).

E voilà, lo scippo è fatto!

Naturalmente i media italiani, tendono a non sottolineare questo aspetto rilevante, qualcuno (vedi che coraggio), arriva a parlare di “furto con destrezza” una particolare forma di reato previsto dal nostro codice, ma personalmente non ci vedo alcuna “destrezza”, qui stiamo parlando di uno scippo e basta!

Ah! Dimenticavo! Lo Stato è anche un datore di lavoro!

E che datore di lavoro! Nessun altro è paragonabile a lui, in fatto di numeri, sono milioni e milioni i suoi dipendenti. Ed allora?

Ed allora se i suoi dipendenti optassero per avere il Tfr in busta paga da un lato lo Stato incasserebbe le maggiori imposte … ma dall’altro dovrebbe tirar fuori i soldi del Tfr!!!

Beh! Scusate, lo Stato fa tutto questo imbroglio per incassare più soldi e poi si vedrebbe costretto a tirarne fuori ancora di più?!?

Naturalmente non se ne parla, ladri sì, ma fessi no!!!

Ed allora ecco una piccola postilla alla legge che nega ai dipendenti pubblici la possibilità di optare per il Tfr in busta paga, ovvio!!!

Un’ultima cosa, certo lo so, avere il Tfr in busta paga rimane al momento una scelta volontaria del lavoratore, ed infatti, gli italiani, che hanno fiutato l’inganno, al momento hanno aderito in una minima percentuale (il 6%). Quindi per il 94% non sarebbe cambiato nulla!

Non proprio, intanto sono state aumentate le imposte sui rendimenti finanziari avuti dal Tfr, ma cari italiani, voi pensate davvero che al momento in cui andrete in pensione non ci sarà una nuova “tassa” alla quale verrà naturalmente dato un nome nobile come “contributo a favore delle nuove generazioni” con la quale vi scipperanno ancora parte del vostro Tfr???

Io non ho dubbi, non ci resta che aspettare, comunque … accetto scommesse.

Giancarlo Marcotti

Commenta il post