Sardex, moneta a chilometri zero Ecco come funziona e quanto vale

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Sardex, moneta a chilometri zero Ecco come funziona e quanto vale

Un sardex vale un euro, a patto che si spenda nel circuito quanto dal circuito si è ricevuto. Partiamo da tre casi pratici. Francesco ha un’azienda di allevamento di ovini, vende gli agnelli ed entra nel circuito Sardex dove la richiesta, in questo periodo pasquale, arriva da macellerie e ristoratori. Li vende (a prezzo di mercato, né più né meno) e ricava 250 crediti sardex, l’equivalente di 250 euro. I soldi sono virtuali (ma i beni sono reali) e sapendo che li può riutilizzare solo nel circuito decide di impiegarli per comprare del mangime per gli animali da un tale Antonio. Il giorno prima, Antonio, proprietario di una grossa rivendita di attrezzature per l’agricoltura e sementi di Cagliari, aveva “incrociato” su sardex Elena, giovane titolare di un hotel nella costa oristanese che “offriva” le stanze non ancora affittate. Il risultato? Il commerciante di mangimi investe i 250 crediti ricavati dall’operazione con Francesco in una mini-vacanza all’insegna del relax ed Elena, a sua volta, decide di destinare quanto guadagnato all'acqusito di bibite per il bar dell'hotel. Nel circuito, del resto, c'è solo da scegliere il rivenditore.

COSA E' LA MONETA VIRTUALE - In sardex la ruota gira davvero e si porta dietro l’economia. Si tratta di una camera di compensazione di beni e servizi all’interno della quale le aziende (oggi più di 1000) comprano ciò di cui hanno bisogno e lo ripagano vendendo il proprio prodotto (o servizio) alla comunità. Per interagire (offrire/vendere-domandare/comprare) è necessario iscriversi (la quota è irrisoria e commisurata all’azienda) e una volta dentro ci si scopre avvolti da un mondo virtuale con ricadute in quello reale. La regola è infatti quella del “b to b”.

L’offerta va dai servizi all’impresa e alla persona (consulenti, commercialisti, avvocati, pulizie uffici, informatica, cancelleria, trasporti, auto) fino a comprendere tutti i beni: alimenti, salumi, formaggi, vini, abbigliamento, gomme per l’auto e via dicendo.

Mettiamo ora di essere titolari di un'autofficina che ha bisogno di costruire un sito web: si cerca l’occasione sulla piattaforma e individuato il referente si "stringe l'accordo" con lo studio grafico che a sua volta investirà il ricavato, magari in nuovi Pc presso un'azienda informatica che, a ruota, acquisterà altre forniture (per esempio oggetti di cancelleria).

LE REGOLE - Quali sono i punti di forza? Sardex è una moneta a interessi zero quindi si è costretti a metterla in circolo, è ancorata all’economia del territorio perché funziona solo in Sardegna e per le aziende sarde e restituisce potere d’acquisto alle imprese attualmente soffocate dalla morsa del credi crunch. Il tutto è possibile grazie a una soglia di debito fissata per ciascuna azienda che rende da subito possibile gli acquisti: chi vende va in attivo e può spendere i propri sardex all’interno del circuito (www.sardex.net). La regola è che fino a un prezzo di vendita di 1000 euro la cifra viene pagata al 100% in sardex, per importi superiori si procede per compensazioni miste (50 e 50 o 70 e 30 o altre combinazioni). Lo scambio, poi, è immediato, quindi le transazioni diventano più veloci: non c’è necessità di aspettare per essere pagati. C’è, ovviamente, un limite alla fatturazione nel senso che un imprenditore può fatturare in sardex fino al 10, 15, 20% del fatturato complessivo, un limite di buonsenso, spiegano i fondatori della piattaforma, perché altrimenti non resterebbe liquidità per pagare le imposte. Sulle fatture sardex emesse si applica l’Iva e si pagano le tasse (in euro).

LA REGIONE - In questi giorni si parla di un contributo in sardex per 10 mila giovani disoccupati sardi di età compresa tra i 25 e i 35 anni, che potranno disporre di un conto e di una carta Sardex per l'acquisto di beni e servizi del valore di 500 euro ogni mese. Come funzionerà esattamente? Se la Finanziaria regionale benedirà l’operazione, la Regione farà da garante per 20 milioni. Succederà questo: la Regione investirà quelle risorse (20 milioni) in beni e servizi da immettere nel sistema di compravendita e con il ricavato finanzierà i 500 Sardex-euro al mese da mettere a disposizione dei 10 mila disoccupati. La Regione fornirà poi al circuito altri servizi: affitti di immobili pubblici, biglietti del trasporto pubblico locale, piccoli tributi potranno essere pagati in Sardex. “Si tratta di 500 crediti spendibili – spiega Gabriele Littera, presidente del Cda - per comprare di tutto: dai generi alimentari, al vestiario, alle bombole del gas, medicinali o libri. Si può pagare in sardex anche dall’ottico o dal dentista o, ancora, fare un week end in un agriturismo o comprare il biglietto per un concerto”. Ovviamente, in questo caso, il titolare del bonus non sarà obbligato a fornire alcun servizio al circuito essendo già stato pagato dalla Regione.

PORTE APERTE AI PRIVATI - Non manca la novità: presto anche i privati e i singoli consumatori potranno aderire a sardex ma in questo caso lo scambio sarà euro-sardex anziché sardex-sardex. Con login e password si entrerà nel marketplace (il sito vero che permette gli scambi), si potrà scegliere, recarsi nei punti vendita associati, pagare in euro e avere una ricarica in crediti sardex sulla carta sardex utili per un massaggio, una cena, la rata dell'asilo del bimbo e via dicendo. Un euro vale un sardex..

Emanuela Zoncu (e.zoncu@unionesarda.it)

http://www.unionesarda.it/articoli/articolo/309460

Commenta il post