Filippo Facci: Uomini che Amano Troppo

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Filippo Facci: Uomini che Amano Troppo

Un saggio, sull'universo maschile, una prospettiva mai indagata..

C’è l’uomo-koala, quello che dopo il rapporto s’avvinghia, il suo abbraccio è una morsa, e se la donna di notte vuole alzarsi deve disincastrarlo arto dopo arto.

C’è il pavone, quello che durante l’amore guarda solo i suoi addominali.

Il gufo, che arriva sempre di notte perché ha lasciato a casa mogli e fidanzate, uno che di giorno non lo vedi mai.

Il falco, che vede e s’avventa perché non conosce il significato di preliminari e di atmosfera, il contrario del geco che invece è sempre lì, immobile, non reagisce, non si esprime, non ci prova, forse attende, forse è timido. Poi c’è il gambero, quello che inizia una storia con entusiasmo ma poi d’un tratto infila la retromarcia: “Questo non l’ho mai detto, non ti ho mai illuso, hai capito male”.

Un catalogo beffardo, scorretto e rivelatore di una generazione maschile che sa poco di se stessa, tra ansiogeni e superomisti di periferia, re degli aperitivi e sepolti in casa a chattare, vittime e carnefici, finti giovani e veri vecchi.

Sono uomini che giocano troppo o pensano troppo, insistono troppo o cambiano troppo: uomini che amano troppo, che amano male, ma comunque amano. Per tutti Facci esprime una doverosa solidarietà di specie, e avverte: “Hanno tutti ragione. E sono tutti dei miserabili”.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: