The Iceman - La recensione di Sara Michelucci

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

The Iceman - La recensione di Sara Michelucci

Il thriller torna al cinema con The Iceman, film del 2012 scritto e diretto dal regista israeliano, Ariel Vromen. La pellicola racconta la vera storia di Richard Kuklinski, interpretato da un convincente Michael Shannon, tra i più feroci serial killer di tutti i tempi, spesso al servizio della mafia italo-americana. Un criminale dai metodi brutali e sadici, con un’infanzia tradita.
The Iceman, letteralmente l’uomo di ghiaccio, è il soprannome che gli fu affibbiato dai media dell’epoca, proprio perché il suo primo cadavere venne tenuto congelato per due anni in un frigorifero. Un criminale efferato, con una montagna di omicidi alle spalle e una doppia vita che sapientemente alterna tra famiglia e delitti.
La sua carriera inizia al servizio di un boss, per poi convergere in una “società” messa in piedi con un altro assassino, che lavora soprattutto per le famiglie mafiose. Incontrato casualmente il nuovo socio, Roy Demeo (Ray Liotta), Kuklinski continua ad uccidere utilizzando il cianuro come nuovo metodo nei casi in cui non si deve pensare ad un omicidio. Finirà la sua carriera e la sua vita in un carcere e con una condanna a due ergastoli.
Il film alterna, quindi, momenti di vita “normale”, in cui Kuklinski veste i panni di un padre di famiglia, creduto dai suoi vicini un uomo d’affari, a quelli di spietato assassino. Vromen riesce a calibrare bene le due metà di questo complesso personaggio, pescando in parte dal gangster movie e in parte dai biopic. Ma la vera forza sono gli attori.
Liotta rimanda a un certo cinema e la connessione con Quei bravi ragazzi è presto fatta. Dall’altro lato c’è Michael Shannon, che non è nuovo a vestire i panni di antieroe, avendo dalla sua la capacità di rappresentare a pieno la cupezza di un’anima nera e tormentata. Poi ci sono Winona Ryder, James Franco e Chris Evans che conferiscono alla pellicola un lustro in più, non tanto per la loro celebrità, quanto per la capacità di dare spessore al personaggio che sono chiamati a mettere in scena. La vita, intanto, scorre sulla pellicola quasi a mo’ di cronaca. E per il romanzato sembra esserci davvero poco spazio.
The Iceman (Usa, 2013)
REGIA: Ariel Vromen
SCENEGGIATURA: Morgan Land, Ariel Vromen
ATTORI: Michael Shannon, Winona Ryder, Ray Liotta, Chris Evans, James Franco, David Schwimmer, Stephen Dorff, Erin Cummings, Robert Davi, Christa Campbell, Lindsay Clift, McKaley Miller, Garrett Kruithof
FOTOGRAFIA: Bobby Bukowski
MONTAGGIO: Danny Rafic
MUSICHE: Haim Mazar
PRODUZIONE: Bleiberg Entertainment, Millennium Films, Untitled Entertainment
DISTRIBUZIONE: Barter Entertainment

www.altrenotizie.org

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: