NY Times: la nuova Cuba è sempre più diseguale

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

NY Times: la nuova Cuba è sempre più diseguale

Un welfare locale sempre meno efficace e un’economia di mercato in espansione che promette di portare benefici solo a pochi fortunati. È la combinazione di fattori che rischia di aggravare la già crescente disuguaglianzaeconomica sperimentata a Cuba in un contesto di grandi cambiamenti dopo l’avvio dello storico processo di disgelo tra L’Avana e Washington. Lo racconta il New York Times. I recenti accordi tra gli Stati Uniti e l’isola promettono di aprire la strada a una crescita significativa delle rimesse. Ma l’afflusso di queste ultime – un tempo utilizzate prevalentemente per il sostegno ai consumi, oggi vere e proprie risorse per l’avvio di iniziative imprenditoriali – rischia di favorire l’aumento della disuguaglianza, sostiene Alejandro de la Fuente, direttore dell’Afro-Latin American Research Institute dell’Università di Harvard interpellato dal NY Times. Una disuguaglianza con forti connotati etnici se è vero, come riferisce il quotidiano, che a Cuba la probabilità di un bianco di ricevere rimesse dall’estero supera quella di un nero di 2,5 volte.

L’ipotesi, al momento, è che una crescente middle class cubana beneficiaria delle rimesse estere possa trovarsi ora nelle condizioni ideali per approfittare delle opportunità offerte dalle aperture del regime nei confronti dell’economia di mercato. Una parziale trasformazione dell’orientamento economico del Paese che tende ad escludere molti soggetti, a cominciare, ricorda il quotidiano newyorchese, dagli “immigrati irregolari”. Ovvero da coloro che nel corso degli anni hanno abbandonato le campagne senza autorizzazione – il cambio di residenza è tuttora soggetto a un permesso del governo – spingendosi verso L’Avana con l’obiettivo di trovare un lavoro e ritrovandosi, in molti casi, a vivere una sostanziale clandestinità che implica il mancato accesso ai servizi sociali basilari.

Fonte: www.valori.it

Matteo Cavallito @ cavallito@valori.it

Commenta il post