Liguria: “ Troppe infezioni negli ospedali”

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Liguria: “ Troppe infezioni negli ospedali”

Troppe infezioni negli ospedali della Liguria. L’ultimo allarme la settimana scorsa all’ospedale Galliera di Genova, dove nove anziani ricoverati in Geriatria sono stati attaccati e infettati dal clostrium faecalis. In quasi 2 anni (tra marzo 2013 e gennaio 2015) in Liguria si sono registrati 288 casi di infezioni da ceppi batterici resistenti, di cui 250 da Klebsiella Pneumoniae, un batterio multiresistente che vive in ospedali e case di cura. La mortalità annua per questi batteri è dell'1% (come media nazionale). Chi si ammala necessita da 4 a 14 giorni di cure ospedaliere, con un costo di ricovero medio da 4 mila euro per i reparti di medicina a 28 mila euro per quelli di cure intensive.
La presenza di batteri multiresistenti è un fenomeno mondiale - ha affermato il direttore del dipartimento Salute,il savonese Franco Bonanni - La prima cura è la prevenzione. Bisogna saper orientare la spesa in una fase di difficoltà economiche.”
All'inizio del 2014 la Liguria ha istituito una commissione tecnico-scientifica per tutti gli ospedali. “Stiamo facendo un lavoro importante - spiega l’assessore alla salute Claudio Montaldo - e abbiamo allargato l’orizzonte a tutte le strutture ospedaliere, ora occorre una responsabilizzazione di tutte le strutture e di tutti gli operatori, comprese le case di riposo da cui spesso vanno e vengono pazienti”.
“Le cose che vanno fatte sono anche molto semplici: ad esempio gli operatori devono usare i guanti, i chirurghi lavarsi le mani frequentemente e le persone che contraggono infezioni vanno isolate”.

www.informasalus.it

Commenta il post