Grecia: debito, Atene incassa il primo sì da Parigi

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Grecia: debito, Atene incassa il primo sì da Parigi

“La Grecia è nell'euro e ci resterà”. E' una presa di posizione esplicita quella espressa dal ministro delle Finanze francese Michael Sapin, al termine del colloquio con il suo omologo ellenico Yanis Varoufakis, che ieri ha iniziato da Parigi il giro delle capitali europee per illustrare i piani del nuovo governo a guida Alexis Tsipras.

In realtà Sapin si è spinto oltre, sostenendo che la Francia può essere “il legame che permette alla Grecia ed al suo Governo eletto democraticamente di avere successo”. La sensazione è che l'appoggio offerto da Parigi, così come e dichiarazioni concilianti di altri paesi “creditori” della Grecia, siano prima di tutto un modo per costruire un percorso di riforme di più ampio respiro a livello europeo, al riparo dalle dichiarazioni roboanti che avevano caratterizzato la campagna elettorale greca e spaventato i mercati nei giorni seguenti. In soccorso di tale ipotesi proprio le parole di Varoufakis, che a Parigi a ribadito di non volere una Grecia fuori dall'euro. Tuttavia il responsabile dell'economia ellenico ha detto di credere fermamente nella necessità di legare il debito che il paese ha contratto in questi anni di bailout con la Troika con le riforme che il governo Tsipras metterà in campo per fare ripartire la crescita. “L'Europa ha dato troppi soldi alla Grecia – ha dichiarato Varoufakis – e così il paese ha vissuto come un tossicodipendente in attesa della prossima dose. Ora – ha concluso metaforicamente il ministro – abbiamo bisogno di un po' di crisi d'astinenza”.

Postato da Jules Previ

Commenta il post