Ecco come funzionerebbe la Conferenza Europea sul Debito proposta dalla Grecia ( 2)

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Ecco come funzionerebbe la Conferenza Europea sul Debito proposta dalla Grecia ( 2)

Secondo il principio della Legge Glass-Steagall

La cosa più importante è che questo avvenne con un sistema finanziario basato sul principio di netta separazione tra banche commerciali e banche d'affari, sancito dalla legge Glass-Steagall, in cui alle banche ordinarie veniva vietato il trading di derivati ed altri strumenti finanziari esotici. Al contempo, esistevano in Germania importanti istituti di credito come la Kreditanstalt fuer Wiederaufbau (l'ente creditizio per la ricostruzione) che fungevano da istituti di credito hamiltoniani per finanziare l'industria e le infrastrutture. Questo permise di raggiungere rapidamente il pieno impiego.

Da allora non c'è più stata una ristrutturazione del debito simile, o che potesse essere paragonata a quella che rese possibile il cosiddetto miracolo economico tedesco.

Una tale ristrutturazione del debito non sarebbe possibile col sistema attuale, in primo luogo perché il debito è parte di un sistema di gioco d'azzardo bancario, in cui i cosiddetti titoli sovrani sono collegati ad un labirinto di derivati e titoli speculativi.

Oggi, la soluzione al debito ed alla crisi economica dei cosiddetti "paesi periferici” dell'Eurozona, inclusa la Grecia, è soggiogata a un imperativo "antagonistico”. Ovvero, Wall Street e la City di Londra esigono che la BCE stampi migliaia di miliardi di Euro per acquistare, da banche private, il debito sovrano di tutti i paesi europei.

Perché? Per salvare numerose banche strapiene di titoli tossici e derivati legati al settore immobiliare, petrolifero e delle commodities, e ad altre speculazioni, invece di salvare l'economia reale delle nazioni indebitate. Questo imperativo di "bailout”, o salvataggio delle banche, viene promosso con toni quasi isterici dalle banche e dagli esperti finanziari e i loro scribacchini sui media. Se la BCE attuerà questa politica, essa terrà l'Europa inchiodata a un regime inesorabile di crescita zero e di drastica svalutazione dell'Euro, che già solo alla notizia del Quantitative Easing è crollato al di sotto del suo valore di cambio originale rispetto alle valute forti.

Dunque, tutto il sistema bancario e creditizio europeo dovrà essere sottoposto ad una riorganizzazione fallimentare ordinata, come fece Roosevelt con quello americano con la legge Glass-Steagall del 1933, a partire dalla separazione bancaria e la creazione di istituti di credito nazionali simili alla Reconstruction Finance Corporation dei tempi. Solo così l'Europa potrà risolvere la crisi del debito in Grecia, Irlanda, Portogallo, Cipro e via dicendo.

Fonte: www.movisol.org

di Dean Andromidas e Paul Gallagher

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: