Charlie Ebdo, Tzipras e... Bella ciao

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Charlie Ebdo, Tzipras e... Bella ciao

Per comprendere l’articolo serve conoscere già che esista una sola “narrativa mediatica” censita dagli organi d’informazione più visibili, che risponda ad un “pensiero unico dominante”, che quotidianamente si dispiega su tutti, fondata sulla libertà, sulla democrazia, sul ”relativismo” e sul “politicamente corretto”. Diversamente per capirlo bisogna predisporre la mente ad accogliere la possibilità di punti di vista realmente alternativi. Gli aspetti da sollevare sono tantissimi, propri di questo tempo martoriato, quando l’umanità, quella autentica, è messa a dura prova da un pensiero che si è affermato e che purtroppo pare abbia messo radici profonde, oramai inestirpabili. Va solo sfiorato il pur importante capitolo del complotto, stile 11 settembre, all’interno del quale si può ipotizzare una regia elaborata dai servizi segreti occidentali, capitanati dagli immancabili CIA e MOSSAD, che hanno adoperato l’ISIS, creatura degli stessi servizi segreti che allo stesso tempo la dotano di risorse, mezzi ed armi. L’ISIS recluta giovanotti e giovanotte, sparsi in tutto il mondo, musulmani per eredità filiale e mercenari per convenienza, se non per necessità, in un mondo in cui il lavoro non è più un valore da coltivare, né per sé, né, tantomeno, per gli altri, soppiantato in occidente dal “false-flag” del profitto, cioè la finanza e nei paesi in via di sviluppo dallo sfruttamento schiavistico del lavoro. Gli indizi possono far pensare ad un’azione terroristica architettata dai governi-ombra massonici occidentali, al fine di imprimere una potente accelerazione alla strategia della tensione finalizzata a preparare attacchi terroristici e bellici provenienti dal mondo islamico. Il primo che fa sorgere sospetti viene da una domanda spontanea: giova alla riuscita del gesto criminale, se gli autori vogliano avere più possibilità di farla franca, dirigere l’opinione pubblica verso una sedicente dichiarazione di guerra contro le democrazie da parte della jihad, rivendicando apertamente le ragioni dell’attentato con uno scontatissimo “allahu akbar”, lanciato nel bel mezzo dell’imboscata? Come possono giovare i contatti con alcuni giornalisti intercorsi durante l’assedio messo in atto dalle forze dell’ordine ed i video realizzati prima dei fatidici fatti, messi a disposizione e trasmessi dai media per far vedere i colpevoli conclamati ? E’ mai possibile poi che i terroristi vengano ben presto identificati anche tramite il ritrovamento di documenti d’identità, perduti in modo maldestro da quegli esperti contractors, nonché terroristi conosciutissimi dalla Polizia ? E’ mai possibile che tali criminali sistematicamente o non si salvano dopo gli scontri a fuoco, o, comunque, non sono reperibili ? (come Hayat Boumedienne, scoperta quale facente parte del commando che attaccò il supermercato ebraico, misteriosamente scomparsa). Ciò su cui voglio orientare di più l’esame è sulle opinioni mosse e sollecitate dagli eventi drammatici, partendo da una riflessione sul giornale satirico Charlie Hebdo, “dato in pasto” ai terroristi.
PREMESSE BLASFEME DI CHARLIE HEBDO
Da noi, intendendo con ciò l’occidente, le voci che prendessero le distanze dal tenore ampiamente blasfemo delle vignette pubblicate dal settimanale satirico Charlie Hebdo, non si sono proprio levate, oppure sono state poche e poco commentate. Eppure i motivi perché si facessero sentire c’erano, ci sono e sono molto corposi, poiché il settimanale prosegue a dispensare il suo “pattume”. Come sappiamo, da noi, limitare una qualsiasi presunta libertà d’espressione, soprattutto se sporca e volta a delegittimare ciò che non è materia, costituisce un attentato ai valori della libertà e della democrazia, oggi imprescindibili per il comune sentire che è stato impiantato dentro le menti dei più. Ritengo invece che rappresentazioni che disprezzino delle icone religiose cattoliche (e con esse l’essenza) come Dio, Cristo, lo Spirito Santo e la Vergine non possono considerarsi frutto di libertà d’espressione, perché invadono e fanno scempio della libertà di quei pochi che ancora credono in ciò che in quella maniera blasfema è stato descritto.
BELLA CIAO TORNA IN “HIT PARADE”
Oltre a paventare ed a promuovere una “guerra santa”, dell’islam e dell’occidente allo stesso tempo, i fatti di Parigi sono tornati utili per una sorta di chiamata degli “alfieri” della libertà senza freni, per mostrare il loro netto predominio numerico e per escludere altri che si oppongono ai loro valori assolutistici ed insalubri. Bisogna dunque comprendere chi si antepone ai valori a cui sto facendo riferimento, contro la quale si muovono, a detta sempre dell’unica “narrativa mediatica” possibile, l’intolleranza, la teocrazia, l’autocrazia e con esse i nazionalismi, i fondamentalismi delle religioni, delle culture, delle lingue e dei generi sessuali. Nelle piazze in Francia nei giorni a seguire sono scesi, veniamo informati, due milioni di persone a manifestare. Intanto manifestare per difendere Charlie Hebdo significa in realtà difendere l’anarchia ed uno dei tanti “giullari” dell’ateismo, del blasfemo dio-uomo, del dio-sé, dell’anticristo. Quei due milioni, cantando bella-ciao, rappresentano il pensiero della società contemporanea, che vuole sembrare tollerante verso tutti, anche con le voci contrarie, ma così non è. Sappiamo che l’unico pensiero divulgabile sia quello della libertà (senza freni), del relativismo, della proto-anarchia, perché opinioni che vanno contro, o sono censurate, o sono relegate in minuscoli spazi, o, quando sono riportate, vengono descritte demonizzandole, facendole passare come una minaccia per l’attuale benessere, per l’attuale libertà assicurata a tutti. Così e solo così poteva formarsi una maggioranza così granitica e plebiscitaria. Tutte le scelte del nostro tempo sono compiute a seconda delle opinioni della maggioranza. Ma la maggioranza viene informata, educata, istruita, indottrinata dall’unico pensiero divulgabile, quello del relativismo. La maggioranza quindi è fortemente costruita. Non solo, pensate che le scelte compiute dalla maggioranza siano automaticamente giuste ? I più compiono scelte che sembrano dare loro una retribuzione in termini di benessere fisico e materiale nell’immediato, ma a lungo andare cosa possono provocare certe scelte ? Il benessere immateriale può essere secondo voi oggetto di valutazione da parte di una maggioranza e da una maggioranza informata, educata, istruita, indottrinata dall’unico pensiero divulgabile, quello del relativismo ?
SCELTE DELLA MAGGIORANZA
Per cosa ha sfilato quindi questa maggioranza “pecorona” ? Ha sfilato per giustificare le scelte operate da settant’anni a questa parte, che provengono da un unico sogno apparentemente benefico, tornando così a citare la libertà (senza freni) e la democrazia. Chi aspira con modi fondamentalisti a realizzare tali valori senza voler conoscere né ostacoli, né controindicazioni, non può ammettere Signorìe, tantomeno quella di Dio. Da ciò discende tutta la struttura di scelte innalzate a dogmi immodificabili.
CONSEGUENZE DELLE SCELTE
Ed i frutti di queste scelte quali sono ? Prima di tutto riflettiamo sul lavoro. Il lavoro venne ri-considerato, subito dopo il secondo conflitto mondiale, automatico sfruttamento perpetrato dai datori. Il supposto sfruttamento venne controbilanciato intanto con la tassazione: le imprese dovevano pagare le pensioni, tramite lo Stato, per assicurare un’anzianità serena ed agiata al lavoratore. Il risultato attuale è che l’imposizione applicata sul lavoro è tale da escludere assunzioni ed il ricambio generazionale dei lavoratori. Adesso mi metto a descrivere realtà proprie dell’Italia, conscio che gli altri paesi dell’unione europea stiano sulla medesima lunghezza d’onda. Lo sfruttamento doveva essere scongiurato anche dalla promulgazione di diritti; il risultato finale è che esistono lavoratori di serie A, coloro che hanno il contratto a tempo indeterminato, e lavoratori di serie B, coloro che hanno un contratto a termine e collaboratori che sono subordinati occulti (le partite iva), o che il contratto non ce l’hanno proprio. Cos’è divenuto poi il lavoro se non voto di scambio ? L’architettura democratica si presta a retribuire i voti con posti e cariche, private o pubbliche, alimentando gli sprechi, comportando ingiustizie attraverso l’applicazione di criteri ben lontani dalla valutazione degli effettivi meriti, assicurando carriere folgoranti a corrotti e collusi, che si mettono al servizio di poteri che rispondono ad interessi individuali ben distanti da quelli della collettività. Dove il lavoro c’è, perché sappiamo che tante imprese chiudono, esistono molti ambienti di lavoro che sono diventati dei “lagers” in cui i datori di lavoro, oppressi dalle imposte, dalla competizione globale e dai margini di reddito risicatissimi creano situazioni relazionali all’interno dell’aziende al limite dell’impossibile, che spesso comportano rapporti molto complicati tra gli stessi lavoratori. Possiede significato ancora più profondo il progressivo scollegamento del lavoro dalla diretta produzione di beni mediante il quale è stato possibile l’orientamento cieco verso la finanza, vista come più comoda via d’accesso alla ricchezza, che ha permesso la realizzazione della Grande Truffa della Moneta Privata, da cui derivano buona parte delle difficoltà economiche che l’attualità esperimenta. Questa concezione sta staccando il lavoro dalla fatica e dall’etica di Cristo che aveva soppiantato lo schiavismo, al quale stiamo tornando inconsapevolmente; basti pensare alla manodopera a bassissimo costo (in particolar modo in alcuni paesi del mondo), ma anche all’inesorabile calo di potere d’acquisto del salario medio rilevabile qui in occidente. Fa parte della stessa logica la bramosìa di arricchirsi senza tanti scrupoli, che sta prendendo molti. Prendo in esame poi la situazione della società: essa è completamente allo sfascio a causa dell’abbattimento dell’istituto tradizionale e naturale della famiglia. I figli sono le prime vittime di una lunga sequela che colpirà molte generazioni future. Molti coniugi separati, molto più frequentemente padri, si riducono in ambascie economiche molto dure. Non può che essere sottovalutata e sottostimata la conseguente mancata costituzione di famiglie atte alla procreazione, oltreché per le incertezze cagionate dalla contingenza economica anche perché tutti assistono ai tanti matrimoni falliti, con la conseguenza che piuttosto nascano coppie di fatto, dai legami molto labili e poco predisposti alla vita. Il decadimento demografico provoca una serie di problemi che viene strumentalmente sottovalutato dal pensiero unico dominante e questi sono:
A. la spinta innovatrice dei giovani è insufficiente, abbiamo una società vecchia, stanca, demotivata, depressa e priva di prospettive;
B. forza lavoro che non riesce a sostenere l’impegno previdenziale;
C. necessità di ricorso alla forza lavoro proveniente dall’immigrazione da cui seguono salari in diminuzione, ricchezza che viene esportata dall’Italia attraverso le rimesse ai paesi d’origine e crescita della spesa pubblica sociale a causa del sostegno necessario agli stranieri ed alle loro famiglie.
I risultati delle scelte del mondo occidentale si possono notare in particolare nell’etica individuale. Il relativismo ha colpito prima nella morale sessuale. Il concetto che il matrimonio sia promessa revocabile e sottoposta a test con cadenza giornaliera su un rapporto che possa essere interrotto in qualsiasi momento (magari previo avvio di altra relazione extraconiugale), si è affermato in maniera inestirpabile, prima nelle donne, ancor più che negli uomini, tuttavia anch’essi più rassegnati che persuasi. Poi sono divenuti prassi obbligatorie, a prezzo di essere bollati come pericolosi bigotti, i rapporti pre-matrimoniali, ben presto seguiti dai rapporti ad ore o post serata in discoteca. Le ragazze, nell’uso di anticoncezionali, ben presto raggiungono quantitativi industriali. L’aborto è oramai profilassi che non può essere negata per alcuna ragione. In tutta questa temperie, peggiorata dai rischi legali introdotti dalla normativa sul diritto di famiglia, lo sbocco al matrimonio pare una scelta inopportuna, non solo, anche inutile. Il ricorso al meretricio ed alla pornografia fanno da corollario arrivando a spostare volumi di ricchezza inusitate. Il crollo dell’etica negli affari va di pari passo. L’integrità e l’onestà devono essere filtrate dall’ideologia relativista che fatalmente provvede ad accantonarle tra le varie ed eventuali. Assistiamo all’espansione inesorabile dell’intreccio degli affari loschi con la politica, come pure alla corruzione che si è rovesciata nel settore pubblico ed al mega-furto operato attraverso stipendi, indennità, vitalizi e prebende pantagrueliche. La Massoneria, vero potere assoluto che pilota tutti i governi occidentali, almeno i più importanti, ha buon gioco nel acquisire tutte le personalità politiche, sin dal loro tesseramento alla rete partitica, assicurando successo a chi più si piega ai voleri massonici. Sotto, sotto, il popolino, dopo essersi sfogato al bar con scenate da leoni in pantofole, non può che elemosinare protezioni di vario genere ai potenti, non importa che si siano fatti con modalità eccepibili, essi saranno rispettati, ossequiati e, non solo, presi come modello a cui aspirare. Questa è la descrizione che faccio del mondo occidentale, un mondo fondato sul consumo sfrenato, sulla materia, sul sé e conseguentemente sul dio-uomo, che per giustificarsi e per autocelebrarsi si definisce paladino della pace attraverso la promulgazione del multiculturalismo e del “nuovo ordine mondiale”.
DUE SOLI SCHIERAMENTI VISIBILI
Nell’economia degli eventi accaduti appresso al 7 gennaio 2015 è inserita la contrapposizione del mondo occidentale, democratico, multiculturale e per queste aggettivazioni giudicato giusto ed unico credibile attore per la pace, contro il mondo islamico descritto con le caratteristiche opposte della teocrazia, automaticamente tacciata come autocrazia, e del monoculturalismo. Per la narrativa mediatica nostrana in Francia solo chi prendeva in mano con decisione la causa di Charlie Hebdo poteva sfilare ed allo stesso tempo ergersi quale campione della democrazia e del multiculturalismo e fronteggiare la minaccia terroristica e musulmana. La contrapposizione ammissibile per la pubblica opinione imposta può essere solo tra chi dice “je suis charlie” e l’ISIS. Pertanto se riflettiamo un po’ concludiamo che siano visibili solo due schieramenti, che ambiscono entrambi ad un Ordine Mondiale. La nostra gente tra i due chi preferirà ? Ovvio che non preferirà la violenza terrorista ed il gioco è fatto: rimane solo bella-ciao.
INVISIBILI
Secondo il “racconto ammesso” nessun diritto poteva spettare al Front National di Marine Le Pen, la manifestazione della quale è stata posta al di là delle “colonne d’ercole”, perché fautrice una visione politica della quale il mondo occidentale ha vergogna, come se fosse la moderna pestilenza: il nazionalismo. I nazionalisti devono essere invisibili, come i cattolici che non possono accettare la blasfemia di Charlie Hebdo, nonostante entrambi aborriscano la violenza del terrorismo. I Nazionalisti ed i Cattolici non possono che appartenere ad un Regno, quello degli invisibili. Invisibili che non possono che prendere atto di essere circondati da “pecoroni” e da “mangiafieno” affetti da relativismo, acuto, cronico ed incurabile.
FINALE
La recentissima vittoria in Grecia di TZIPRAS ribadisce il teorema. Anche il popolo greco, come gli altri, canta bella-ciao. Con TZIPRAS pensa di sconfiggere il “leviatano eurocratico”, salvo scoprire che l’eletto non sia altro che un altro agente della massoneria mondiale; questa tesi incrocerebbe con il dato della risalita della quotazione dell’euro sul dollaro che può realizzarsi solo con un evento che possa assicurare la stabilità degli equilibri di questa Unione Europea, come lo è stato con l’affermazione di TZIPRAS tramite il suo partito di estrema sinistra SYRIZA. Le prospettive di mutamento generale d’opinione non esistono e con esse non esistono possibilità che l’occidente si tolga dalle pastoie in cui si ritrova inconsapevolmente. Il destino dell’occidente è segnato ed al momento non mi sembra che nulla possa scaturire per salvarlo.

Di Contra Tenebras
- See more at: http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=23688#sthash.ziz9sNQG.dpuf

Commenta il post