" Risarciteci per i crimini nazisti". Un rapporto governativo sostiene che la Germania deve alla Grecia ben 11 miliardi di euro

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

" Risarciteci per i crimini nazisti". Un rapporto governativo sostiene che la Germania deve alla Grecia ben 11 miliardi di euro

A pochi giorni dalle elezioni politiche in Grecia, il cui esito potrebbe avere imprevedibili contraccolpi non solo sull'economia ellenica ma anche di altri Paesi Ue, torna prepotentemente alla ribalta l'irrisolta questione dello storico e ingente credito che Atene sostiene di vantare nei confronti di Berlino in conseguenza dell'occupazione nazista subita durante la Seconda Guerra Mondiale (1941-1944).

A riportare la questione sotto i riflettori di un Paese stremato da sei anni di pesante crisi e recessione è stato, come altre volte in passato, il quotidiano To Vima che ha rivelato le conclusioni di un rapporto ufficiale redatto in segreto da una Commissione inquirente, consegnato in questi giorni al ministero delle Finanze. Stando a questa relazione, la Germania deve alla Grecia l'impressionante cifra di 11 miliardi di euro derivata esclusivamente dal finanziamento forzato imposto ad Atene dagli occupanti nazisti e che sino ad oggi non è stata restituita. Secondo To Vima, il rapporto è stato consegnato alla Ragioneria Generale dello Stato ed al vice ministro delle Finanze Christos Staikouras al termine di tre mesi di ricerche approfondite svolte da una speciale commissione presieduta dall'ex direttore generale del Tesoro, Panagiotis Karakousis. Da quanto sostiene la relazione, il debito della Germania nei confronti della Grecia per quel famigerato prestito forzoso ammonta ad almeno 11 miliardi di euro: cifra che, comunque, è stata estremamente ridimensionata rispetto all'astronomica somma di 54 miliardi che era stata diffusa nell'aprile del 2013.

Come sottolinea il giornale, la commissione inquirente ha preso in considerazione le stime più prudenti per quanto riguarda il debito tedesco, mentre da parte sua Karakousis ha dichiarato che tale cifra non ha nulla a che fare con le riparazioni di guerra per i danni subiti dalla Grecia durante l'occupazione tedesca che potrebbero raggiungere le decine di miliardi di euro. Adesso Staikouras trasmetterà il rapporto al ministro degli Esteri Evangelos Venizelos il quale lo invierà all'Avvocatura di Stato. In base alla Costituzione ellenica, una speciale Commissione legale dovrà riunirsi per esaminare il caso e consigliare al governo il modo migliore per gestirlo.

Vari analisti locali ritengono che, forte di questi nuovi conteggi, Atene tornerà alla carica anche per ottenere dalla Germania la restituzione di 108 miliardi di euro per danni causati alle infrastrutture durante l'occupazione nazista del Terzo Reich. Tale cifra emerse dai conteggi, diffusi anch'essi nell'aprile 2013, contenuti in un rapporto redatto da un comitato di esperti del ministero delle Finanze ellenico che rimbalzarono sul settimanale tedesco Der Spiegel. Anche in Grecia, però, sono in molti a ritenere che Berlino non sborserà nemmeno un centesimo. Nel marzo del 2006, infatti, la Corte costituzionale tedesca stabilì che la Germania non doveva pagare risarcimenti ai singoli individui per i crimini di guerra commessi dai nazisti. Quattro anni dopo, nel 2010, come a voler chiudere una volta per tutte la questione, il ministero degli Esteri tedesco rese noto che la Germania - in base ad un trattato siglato nel 1960 - aveva pagato 115 milioni di marchi (circa 58,8 milioni di euro) alle vittime dei crimini nazisti in aggiunta ai fondi erogati alle vittime del lavoro forzato sotto il Terzo Reich.

http://www.cdt.ch/mondo/politica/122919/risarciteci-per-i-crimini-nazisti.html

Commenta il post