Trent’anni fa la tragedia di Bhopal, in India

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Trent’anni fa la tragedia di Bhopal, in India

Nella notte fra il 2 e il 3 dicembre del 1984 avveniva uno dei più gravi disastri industriali della storia: nell’India centrale, a Bhopal, una fuga di gas da un stabilimento statunitense provocò 5.300 morti secondo le stime ufficiali, 25.000 secondo gli attivisti

  • Nella notte tra il 2 e il 3 dicembre 1984 una fuga di 42 di tonnellate di isocianato di metile (un gas altamente tossico) da uno stabilimento della Union Carbide a Bhopal, in India, uccise quasi quattromila persone.
  • Nei vent’anni successivi, si stima che siano state almeno 25mila le morti legate al disastro.
  • Altre 560mila persone hanno avuto danni gravi o irreversibili a causa del disastro.
  • Per molto tempo, nelle zone interessate dalla fuoriuscita del gas, il tasso di mortalità è stato 2,4 volte più elevato della media.
  • Si ritiene che i prodotti chimici ancora presenti nel complesso abbandonato, in mancanza di misure di bonifica e contenimento, stiano continuando a inquinare l’area circostante.
  • L’inchiesta iniziale ha evidenziato delle carenze nelle misure di sicurezza, ma la Union Carbide ha messo rapidamente tutto a tacere pagando al governo indianoun risarcimento di 470 milioni di dollari che dovevano essere versati alle vittime e alle loro famiglie. Il risarcimento era pensato basandosi sulle tremila vittime ufficiali e in dollari, con un cambio dollaro-rupia fissato al valore del 1989. L’ultimo assegno, però, è stato staccato nel 2004.
  • L’ex amministratore delegato della Union Carbide, Warren Anderson, è stato processato, ma gli Stati Uniti hanno negato l’estradizione.
  • Fonte: www.internazionale.it
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: