Piacenza. Arpa, nel 2015 maggiore attenzione alle emissioni e agli impianti a biogas

Pubblicato il da Cronache Lodigiane

Piacenza. Arpa, nel 2015 maggiore attenzione alle emissioni e agli impianti a biogas

Maggiore attenzione alle emissioni con controlli ai camini e agli impianti a biogas e biomasse, insieme al costante monitoraggio e controllo dei campi elettromagnetici con particolare riferimento agli impianti per la telefonia mobile. Sono alcuni dei campi di intervento sui quali si concentrerà l'attività di controllo della sezione piacentina di Arpa per il 2015.
La proposta di programma delle attività dell'Agenzia è stata illustrata questa mattina in Provincia, un appuntamento a cui hanno preso parte i sindaci dei Comuni piacentini, i componenti del comitato tecnico provinciale e le organizzazioni del territorio.
“Arpa - ha sottolineato il consigliere provinciale con delega all’Ambiente Luca Quintavalla - svolge un ruolo molto importante e la sezione di Piacenza mette in campo eccellenze su alcune tematiche riconosciute a livello regionale; nella situazione di difficoltà economica in cui ci troviamo è fondamentale mettere a sistema le risorse, semplificando procedure e tempi e interpretando le esigenze di cambiamento e razionalizzazione”.
“Quello di oggi – ha aggiunto - aldilà degli aspetti formali è un momento importante di confronto fra i componenti della società civile e gli amministratori. L’auspicio è che il confronto sia sempre costruttivo e mirato a obiettivi condivisi per il territorio, guardando ad uno sviluppo che sappia trovare un equilibrio tra esigenze del mondo produttivo e sostenibilità ambientale”.
Il direttore di Arpa Piacenza Giuseppe Biasini ha tracciato il bilancio dell’attività compiuta dall’Agenzia nell’anno che sta per concludersi (706 ispezioni, 1048 campioni analizzati e 534 pareri rilasciati di cui l’80% entro i 30 giorni): “Chiuderemo il bilancio senza disavanzi - ha detto - e l’impegno è quello di mantenere l’attività di monitoraggio e di controllo ad un buon livello su tutto il territorio provinciale”.
Come ha illustrato lo stesso Biasini, diversi sono gli obiettivi contenuti nel programma preliminare 2015, con l'attività che sarà “orientata prioritariamente al presidio e allo studio delle principali criticità ambientali presenti a scala locale”. L’inquinamento atmosferico resta un aspetto critico, ma il trend negli ultimi anni registra un miglioramento; si segnala invece un aumento della concentrazione di nitrati nelle acquee sotterranee. Per quanto riguarda i rifiuti, da registrare una leggera crescita della raccolta differenziata, a fronte di una quantità di rifiuti prodotta rimasta sostanzialmente invariata.
Fra le priorità per il 2015 il monitoraggio dell'ambiente – una delle attività più importanti svolte dall'Agenzia - attraverso la gestione delle reti; le indagini e controlli mirati sugli impianti a biogas/biomasse; la valutazione preventiva sui nuovi impianti di telefonia mobile e qualità della “risposta”; il recupero di aree dimesse in stretta collaborazione con i Comuni interessati; i controlli al centro di compostaggio e sulla distribuzione sui terreni agricoli di sostanze odorigene. Per quanto riguarda la Centrale Nucleare di Caorso è in rinnovo il protocollo d’intesa tra Arpa, Comune di Caorso e Provincia al fine di coordinare e seguire tutte le fasi salienti relative al decommissioning dell’impianto. Particolare attenzione sarà poi dedicata al termovalorizzatore, ai cementifici e agli allevamenti.
Il capitolo dell'estratto del preliminare dedicato all'attività della sezione ARPA di Piacenza è disponibile sul sito Internet della sezione all'indirizzo www.arpa.emr.it/piacenza/, o può essere richiesto alla segreteria della sezione ARPA di Piacenza (tel. 0523/489676). La versione integrale del preliminare di programma regionale dell'attività dell'ARPA per il 2015 è invece disponibile sul sito internet dell'Agenzia, all'indirizzo www.arpa.emr.it.

Fonte: http://www.piacenzasera.it/

Commenta il post