FB al tempo del Broletto

  • Cronache Lodigiane
  • Lodi
FB al tempo del Broletto

Poco o nulla è cambiato. La comunicazione politica pare essersi fermata al secolo scorso.

Ben( ito) che mostra i pettorali mentre falcia il grano a Sabaudia, mentre tira di scherma e ovviamente sconfigge gli avversari e così via...il Duce c'è sempre, insomma, anche quando meno te lo aspetti.

L'Adda è salita, ci ha fatto paura, ora, per fortuna, possiamo tirare un sospiro di sollievo, pare.

E guardare con un pizzico di ironia le foto che i nostri amministratori hanno pubblicato sui vari “ social”, giusto per testimoniare che potevamo stare tranquilli, loro erano lì, in prima linea, a “ monitorare”, pronti ad intervenire. Ore di sonno regalate alla collettività con spirito di sacrificio... come sempre, d'altronde.

Scusate, ma dove avreste dovuto essere se non lì?

Sì, insomma, mi chiedo, un amministratore, un assessore, un sindaco, in una situazione di emergenza, di pericolo per la propria città, dove doveva essere nelle scorse nottate? A fare quattro salti all'Otto Blues?

Non so ... me lo chiedo.

A dire il vero, il nobile Doria, dal sangue arancione, sindaco di Genova, con la Città in ginocchio, aveva pensato bene un paio di settimane fa di trascorrere il weekend a Courmayeur. L'avevano pizzicato in un ristorante à la page mentre gustava un piatto di fettucce al sugo di funghi.

Doria, però, è un caso a sé, ancora non sa di essere stato eletto, gliel'hanno detto ma ancora non l'ha capito.

A rendere ancora più grottesche le immagini dei “ Nostri”, i commenti: “ Bravi!”, “ Che Ragazzi!”, una sfilza di “ Mi Piace” degli amici, degli amici degli amici, per ricordare che loro ti seguono.

Si sa mai, domani se ne potrebbe pur sempre avere bisogno.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog