Stefano Montanari: Lo Stivale di Barabba

Stefano Montanari: Lo Stivale di Barabba

L’inevitabile esaurimento dei combustibili fossili impone una nuova pianificazione nei trasporti.

Nell’arco di due secoli siamo passati dalla vela al sommergibile nucleare, dal cavallo ai bolidi di Formula 1, e tutto ciò è stato possibile grazie al petrolio. Le alternative ai combustibili fossili già esistono e le grandi compagnie internazionali stanno iniziando quella che sarà la più grande ristrutturazione della civiltà: il passaggio dall’evo petrolifero a quello delle energie rinnovabili, un’esigenza non eludibile.

Oggi si propone l’idrogeno come nuovo carburante, ma è un combustibile credibile nell’attuale rete mondiale dei trasporti? Nell’attesa dei nuovi mezzi che la tecnologia s’appresta ad immettere sul mercato, cosa dobbiamo fare?

Stefano Montanari, scienziato e divulgatore di fama internazionale, autore di un blog da 9-10.000 visitatori al giorno, è nato a Bologna il 7 giugno 1949 e risiede a Modena.

Laureato in Farmacia e da sempre impegnato nel campo della ricerca medica.
Fa parte di un gruppo di lavoro, il cui coordinatore, la dr.ssaAntonietta Gatti, sua moglie, ha ricevuto l'incarico dalla Comunità Europea di svolgere diversi progetti di ricerca, l'ultimo dei quali è attualmente in corso di realizzazione con il contributo di altre dieci università di sei Paesi diversi.

Per Macro Edizioni e Macro Video Stefano Montanari ha pubblicato L'Insidia delle Polveri Sottili e delle Nanoparticelle (DVD), Il girone delle polveri sottili e Lo Stivale di Barabba, ovvero L'Italia Presa a Calci dai Rifiuti.

BIOGRAFIA DI STEFANO MONTANARI
Laureato in Farmacia nel 1972 presso l’Università di Modena con una tesi di Microchimica, diviene poi consulente tecnico di Biosa SpA, Milano, azienda operante nel settore cardiochirurgia, cardiologia ed emodialisi.
Dal 1985 è consulente del laboratorio di Biomateriali dell'Università di Modena.
Nella decade 1985-1995 è consulente scientifico di Angiocor - Lille (Francia) per lo sviluppo di filtri per vena cava.
Nel periodo 1997-1999 diviene Direttore scientifico del progetto Biosa per lo sviluppo di una valvola cardiaca di pericardio bovino.
Nel periodo 1996-2003 consulente scientifico di ALN - Bormes les Mimosas (Francia) per lo sviluppo di un filtro per vena cava estraibile.
Dal 2001 è consulente per il progetto Europeo “Nanopathology”.
Nel 2003 è consulente scientifico del Progetto Mondiale per l’applicazione ultrafase alle tecniche di elettrocardiografia.
Dal 2004 è consulente di Avigolfe, l’associazione dei reduci francesi dalle guerre del Golfo e dei Balcani.
Dal 2004 sono incaricati dall’ente scientifico americano FASE di studiare un metodo di detossificazione per i 400.000 soggetti ammalatisi di nanopatologie, a seguito del crollo delle Torri Gemelle di New York (11 settembre 2001).
Dal marzo 2004 Stefano Montanari è direttore scientifico del laboratorio Nanodiagnostics di Modena.
Dal 5 ottobre 2004, insieme alla dott.ssa Antonietta Gatti, è consulente della Foundation for Advancement of Science and Education di Los Angeles per i problemi sanitari legati alle nanopatologie dei sopravvissuti al crollo delle Torri Gemelle di New York.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog