Il canone Rai cambia verso. Si paga anche senza tv

Il canone Rai cambia verso. Si paga anche senza tv

TUTTI DOVRANNO PAGARE - Un “contributo”, nemmeno più un “canone Rai”, più basso per tutti ma dovuto da tutte le famiglie, anche da chi in casa non ha tv né radio né Internet e usa solo carta, penna e telefono.

Le slide sono già pronte, con le simulazione di quel che entrerà alla Rai e di quel che pagheranno gli italiani con il nuovo sistema di finanziamento del servizio pubblico messo a punto dalministero dello Sviluppo economico (Mise), nella persona del sottosegretario Giacomelli.

Si attende solo il via libera del presidente del Consiglio Renzi (che potrà così annunciare: “abbassiamo il canone Rai”, ben consapevole che si tratta dell’imposta più odiata dagli italiani), e la decisione se farlo passare come decreto legge, sempre che il Quirinale ne riconosca il carattere di urgenza, quella cioé di vararlo entro dicembre, prima che partano i bollettini del “vecchio” canone 2015.

ADDIO CANONE, ARRIVA IL CONTRIBUTO - Cosa cambierà? Molto, se non tutto. Intanto le cifre. Il nuovo canone, che il ministero non chiama più così ma “contributo al servizio pubblico radio-tv”, sarà molto più basso.

Si pensa a una forbice tra i 35 e gli 80 euro, a seconda della capacità di spesa dei nuclei famigliari (calcolata sul reddito, ma anche sui consumi e altre variabili). Nessuna famiglia, dunque, nemmeno le più ricche, pagherà più di 100 euro per finanziare il servizio pubblico radio-tv, e molte pagheranno parecchio di meno, fino a un terzo rispetto agli attuali 113,50 euro delcanone Rai (mentre si studia un’esenzione per le famiglie con soglie di reddito minime).

Per approfondimenti visita SoldiWeb

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog