Igor Sibaldi: Eros e Amore

Igor Sibaldi: Eros e Amore

Igor Sibaldi affronta il tema dell'amore e dell'erotismo, molto di moda in questo momento, ispirandosi agli antichi testi, come di consueto, per renderli attuali e popolari.

Amore si sa, è una parola pericolosa. Ma la parola Eros è più pericolosa ancora: indica la straordinaria vastità della mente, il profondo e inesauribile desiderio di conoscenza che gli adulti sono abituati a reprimere, e si sforzano di dimenticare, di falsare. Quando si risveglia, l'Eros ha la capacità di trasformare rapidamente la personalità, e qualche antico filosofo afferma che è fatto apposta per cambiare il mondo.

Igor Sibaldi restituisce ai fenomeni dell'Amore e dell'Eros la loro portata psicologica e sociale: mostra come non temerli, come liberarli, per farli agire nei progetti e nelle scelte decisive della nostra vita quotidiana.

In tempi di erotismo, un libro per tutti quelli che vogliono approfondire cosa si nasconde dietro la parola amore

Dalla Quarta di Copertina

"Deve pur esserci un motivo se, tra tutti gli ar­gomenti interessanti, l'amore è quello che viene trattato nella maniera più interessata."

Comincia così un affascinante viaggio nelle implicazioni più segrete del nostro desiderio di piacere. Vi sono troppe contraddizioni - lin­guistiche, psicologiche, etiche - dell'idea che in Occidente si ha dell'«amore», troppi significati si accumulano e si confondono in questa parola: come se, nel corso dei secoli, una serie di paure avessero impedito di fare chiarezza, di dire la verità sulle dinamiche del sentimento che tutti hanno sperimentato.

Igor Sibaldi mette in luce la più profonda di tali paure: quella dell'Eros - che un tempo era il nome di un Dio, e indicava non soltanto una inesauribile energia sensuale ma anche e soprattutto la straordinaria vastità della mente, il suo fiducioso impulso alla libertà e alla conoscenza, che da adulti siamo abituati a reprimere e a falsare.

Dal timore di far agire l'amore-Eros nella nostra vita quotidiana de­rivano i nostri traumi più dolorosi; e la risco­perta dell'eros antico può dissolverli. A tutti è accessibile (da bambini eravamo tuttierotikóì): solo, occorre una buona dose di coraggio, per­ché a quel Dio millenario tutta la nostra civiltà è sempre stata ed è tuttora ostile.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog