Norvegia: il fondo sovrano cambia rotta

Gli indici di riferimento delle principali borse mondiali? Non sono “il miglior punto di partenza”. Lo sostiene il Ceo del fondo sovrano dellaNorvegia Yngve Slyngstad, ripreso dall’agenzia Bloomberg. Le parole di Slyngstad potrebbero aprire la strada a nuove strategie di investimento per quello che, con i suoi 880 miliardi di dollari di asset gestiti, resta ad oggi il più grande fondo governativo del Pianeta. Oslo, ricorda l’agenzia, utilizza due indici di riferimento – il FTSE Global All-Cap e un altro indicatore elaborato daBarclays – per le operazioni in azioni e obbligazioni che, da sole, coprono il 95% del portafoglio (il restante 5% è dedicato alle operazioni immobiliari). Ma la situazione potrebbe ora cambiare. “Forse dovremmo cercare delle alternative” ha spiegato il direttore del fondo, ripreso ancora da Bloomberg.

I segnali di un possibile cambiamento di strategia, in ogni caso, non mancano. Tra le nuove proposte, segnala la Reuters, emerge quella avanzata dall’opposizione laburista che chiede ai gestori di puntare sulle infrastrutture, a cominciare dai progetti verdi. “L’obiettivo è quello di espandere l’universo degli investimenti” ha dichiarato alla Reuters il portavoce del partito Torstein Tvedt Solberg. “È necessario investire il capitale nelle rinnovabili, negli impianti solari ad esempio e in quelli eolici”. La proposta per altro giunge a qualche mese di distanza dalla decisione dei gestori di incrementare gli investimenti in comparti come l’efficienza energetica, la gestione dell’acqua e dei rifiuti e il controllo dell’inquinamento. Un’operazione quantificata a giugno in 50 miliardi di corone, pari a circa 6 miliardi di euro.

Fonte: www.valori.it

Matteo Cavallito @ cavallito@valori.it

Torna alla home