Maliziosa miscellanea - di Mario De Rosa

E’ possibile per un alto magistrato riuscire a vivere (le cifre sono al lordo) con 303.000 euro di pensione annui pari a 25.100 Euro al mese, 5.600 a settimana, 830 al giorno?
E’ il drammatico quesito che si pone il dr. Caselli, icona fino all’altro ieri di Magistratura Democratica, oggi pensionato. L’ha fatto presentando un ricorso avverso il tetto delle retribuzioni imposto da Renzi anche al fine sacrosanto di tutelare l’indipendenza dei magistrati.
Il Presidente Boldrini, oltre che a dotarsi di un costosissimo apparato mediatico, di godere di qualche bagnetto gratis nella tenuta del Presidente della Repubblica in Castelporziano, di subire la scorta per la figlia, ha, fin dalla più giovane età, manifestato la vocazione (sempre ben retribuita) di predicare agli altri il verbo della tolleranza e dell’accoglienza nei confronti degli immigrati. Invitata a indirizzare un cenno di saluto ai presenti ad una rappresentazione nel Teatro di Siracusa ha dissertato su questi temi per oltre cinquanta minuti. Un gratuito anticipo, finito tra lazzi e fischi, della tragedia poi andata in scena.
Il ministro Padoàn, che pone civettuolmente l’accento sulla prima a, ha fatto sapere che il peso fiscale è enorme. Passi il vulnus semantico che egli fa al cognome, ma per favore non lo faccia alla comune logica, atteso che il Ministro delle Finanze risulta essere lui e non il fruttivendolo all’angolo.
Nel pallone come nel mondo non contiamo nulla. Una conferma? I torti, al di là della nostra pochezza, patiti ad opera della Fifa, ed il perpetuarsi della detenzione dei nostri Marò, dei quali da Monti a Letta, a Napolitano, a Renzi abbiamo ascoltato sempre e solo lacrimevoli storie di prossimi successi.
Attenzione ai Super Mario. Ne ricordo due: Monti e Balotelli. Sono dal mio canto tranquillo. Appena un amico mi qualificò scherzosamente “Super” gli risposi che a stento andavo a normale.
P(B)randelli o della modestia. Appena due anni fa affermava più o meno: “Sono in Europa il Monti del calcio”. Lo è stato per davvero.
Gli italiani scambiano le partite di calcio per guerre e le guerre per partite di calcio (Churchill)
Balotelli non è un personaggio, è solo un italiano.
L’Italia si è conformata alla direttiva europea, per la quale era stata giudicata inadempiente dalla corte di Strasburgo, introducendo finalmente gabbie più confortevoli per le galline ovaiole. La Commissione Europea ricercherà nei prossimi giorni la prova che la nuova normativa sia applicata e rispettata in tutta Italia.
E’ troppo chiedere a codesti signori così ben remunerati e legiferanti su lunghezza di banane, cetrioli, water e galline ovaiole di porre almeno un po’ di attenzione alle tragedie di intere comunità prossime ai confini dell’Europa e di quelle stesse interne (prede di disoccupazione e povertà) di un Continente che appare sempre più vecchio ed incapace di uno scatto di dignità?
Alla prossima.

Mario De Rosa - See more at: http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=23525#sthash.dhGa6FNO.dpuf

Torna alla home