Bloomberg: borse mondiali a quota 66 trilioni

Bloomberg: borse mondiali a quota 66 trilioni

66 mila miliardi di dollari. È il controvalore raggiunto in questi giorni dal mercato azionarioglobale grazie a un incremento da 2,2 trilioni (2.200 miliardi) registrato nelle ultime tre settimane a seguito delle impennate degli indici sperimentate in Brasile e Giappone. Lo riferisce Bloomberg. Il dato, nota l’agenzia, costituisce unrecord e, come se non bastasse, appare anche particolarmente significativo a fronte dell’attuale contesto geopolitico. L’escalation della tensione e dei conflitti in Ucraina e Medio Oriente, infatti, non ha avuto alcun effetto negativo sulle borse, come se queste ultime fossero riuscite ad ignorare i timori di instabilità politica globale sulla spinta di fattori ben più significativi. A cominciare dalle politiche monetarie, ovviamente.

Nonostante il tapering statunitense (il rallentamento degli acquisti dei titoli di Stato Usa da parte della Fed che si traduce in una riduzione delle immissioni di liquidità nel sistema), infatti, gli investitori sembrano ancora pronti a scommettere sull’intenzione delle principali banche centrali del Pianeta di continuare a finanziare la ripresa con una politica monetaria espansiva. Una tipica profezia che si autoadempie, insomma, trascinando la liquidità in borsa e alimentando la corsa agli investimenti. Nei giorni scorsi, l’indice Standard & Poor’s 500 ha sfondato la soglia psicologica dei 2.000 punti. Il Nasdaq Composite, ricorda Bloomberg, viaggia a livelli prossimi al picco storico: appena il 10% in meno rispetto al record raggiunto all’apice della bolla DotCom di inizio secolo. ( Fonte: www.valori.it)

Matteo Cavallito @ cavallito@valori.it

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Cedistic © 2014 -  Ospitato da Overblog